Scandifornia: lo stile di cui hai bisogno per interni luminosi e verdi

Arredi dalle linee pulite ed essenziali, mobili in legno naturale o di colore bianco combinati con tessuti dalle tonalità calde, dettagli green e grande spazio alla luce: ecco come arredare casa in stile Scandifornia

scandifornia

Foto Shutterstock | Photographee.eu

Scandifornia è lo stile di tendenza che sta conquistando gli interior designer in giro per il mondo. Il termine è stato coniato dalla designer Natalie Myers. In cosa consiste? Come avrete intuito, lo stile Scandifornia mescola insieme due concept, lo stile scandinavo – pulito, semplice ed essenziale – con lo stile californiano, che predilige spazi arredati con tessuti dai colori caldi e avvolgenti.

Accanto alle tipicità dello stile scandinavo fatto di arredi semplici, essenziali, con mobili per lo più in legno chiaro e prevalenza di colori come bianco e nero, il californiano aggiunge elementi con colori caldi.

I mobili possono essere moderni, ma anche vintage, e l’ambiente ricorda un po’ uno stile bohémien minimale o il minimal chic perché si concentra sulla creazione di uno spazio rilassante e leggero.

I materiali sono sempre naturali, dunque avremo complementi in juta, lino, rattan e sisal. I toni del legno sono chiari, gli spazi ariosi e senza troppi complementi a riempire gli ambienti, eccezion fatta per le piante.

Lo scopo è creare uno spazio luminoso, terroso, naturale e caldo. Infatti la caratteristica fondamentale dello Scandifornia style è la luce. Quindi i muri sono sempre dipinti di bianco per permettere di avere uno spazio nitido. Se vuoi saperne di più leggi anche come aumentare la luce naturale in casa.

Ti è piaciuto questo articolo? Segui DesignMag su Google News per non perdere una tendenza!

Parole di Kati Irrente

Giornalista per passione, scrive per il web dal 2008 spaziando da argomenti di cronaca e attualità alle ultime tendenze in fatto di lifestyle. Addicted del vivere green e della buona cucina, divide il tempo libero tra musica, cinema e fumetti d’autore.