Carta da parati: 5 regole per scegliere quella giusta per ogni ambiente

La tappezzeria può essere un alleato perfetto per dare personalità all'ambiente, ma bisogna saperla scegliere

da , il

    Carta da parati: 5 regole per scegliere quella giusta per ogni ambiente

    Se fino a qualche tempo fa la carta da parati era considerata un elemento dell’arredo superato, oggi invece vive una nuova stagione. Infatti, grazie alle nuove tecnologie in merito a materiali e stampe, è possibile scegliere fantasie o comunque rivestimenti per i muri di casa decisamente all’avanguardia e dal design accattivante e trendy.

    Perché scegliere una carta da parati? Perché pratica da mantenere e soprattutto da installare, donando all’ambiente particolare personalità e stile, adeguandosi all’arredamento già presente oppure esaltandolo, o anche diventare essa stessa complemento.

    Quando ci si approccia al mondo della tappezzeria, però, bisogna tenere a mente alcune regole per capire se abbiamo trovato la soluzione ideale. Il rischio, infatti, è quello di farsi influenzare dalle mode e da ciò che abbiamo visto su cataloghi o social: bisogna capire effettivamente quali sono le esigenze del nostro spazio, ovvero se ha bisogno di più luce, di colore, di essere rinfrescato oppure di mantenere o rinforzare una certa atmosfera.

    Per scegliere al meglio e non pentirsi, basta seguire queste 5 regole:

    L’armonia dello stile

    Prima di avventurarsi tra fantasie colorate e materiali texturizzati, bisogna capire che mood vogliamo trasmettere all’ambiente: classico, estroso, etnico, intimo, minimale ecc.

    Infatti, è possibile scegliere tra tantissime opzione: tappezzerie che richiamano materiali naturali oppure con una struttura materica, quelle realizzate in carta speciale che ricorda il tessuto e ancora si può scegliere tappezzerie personalizzate. Tutto però deve concorrere a rispecchiare la vostra idea di casa.

    In generale, il vantaggio della carta da parati è che può essere sostituita in maniera facile quindi può anche essere un valido sostituto della parete verniciata se, per esempio, scegliamo di realizzare una stanza monocolore ma non siamo certi di quanto questa scelta ci convincerà nel tempo. La carta da parati ha anche il vantaggio di spezzare un’eventuale monotonia della tinta unita: basta sceglierne una dalla delicata fantasia tono su tono.

    A ogni stanza il suo materiale

    Le carte da parati moderne sono realizzate con materiali diversi a seconda della loro destinazione d’uso. Non bisogna farsi trarre in inganno dal nome: se pensiamo che l’umidità, gli sbalzi di temperatura o gli schizzi siano incompatibili con la tappezzeria in quanto realizzata esclusivamente con carta, ebbene, ci sbagliamo. Infatti, quando si sceglie un prodotto indirizzato per bagno e cucina troveremo diverse opzioni realizzate con materiali impermeabili e particolarmente resistenti, studiati apposta per essere più resistenti. Questo ci permette la massima libertà dal punto di vista dell’interior design personalizzato: via libera quindi alla carta da parati non sono in salotto o in camera da letto, ma in tutta la casa.

    Le proporzioni sono tutto

    Se siamo indirizzati verso fantasie o pattern importanti per colori e dimensioni, prima di lanciarci istintivamente seguendo i nostri gusti, dobbiamo assicurarci che il contesto in cui sarà inserita la carta da parati sappia reggerli. Infatti, la fantasia dovrà essere proporzionata all’ambiente: per esempio, in salotto dovremo capire se c’è abbastanza spazio perché una fantasia di grandi dimensioni sia ariosa e non dia una sensazione di schiacciamento a chi si trova nella stanza, che sappia essere un continuum dei complementi e degli accessori del salotto, che non rubi la scena risultando ingombrante.

    L’ideale prima di applicarla sulle pareti sarebbe provare inserirla su un mobile, magari di piccole dimensioni e particolarmente neutro: in questo modo avremo una percezione più chiara della fantasia all’interno della dello spazio prima di stravolgerlo completamente.

    Carta da parati (2)
    Foto Unsplash | Josh Hemsley

    A ogni parete la sua

    La carta da parati può essere applicata sia su tutte le pareti che su una sola, lasciando le altre bianche o verniciate tinta unita. Oppure c’è un’altra opzione altrettanto interessante: alternare sulle pareti carte da parati fantasia e tinta unita sempre sugli stessi toni. Queste alternative permettono grande libertà di azione, consentendo un’ulteriore personalizzazione dello stile dell’ambiente.

    Per esempio, una camera da letto particolarmente luminosa può permettersi il “lusso” di alternare fantasie scure, magari sul blu-grigio, a monocromi della stessa nuance. Questo renderà l’ambiente rilassante ma anche molto ricercato e di design.

    Altro aspetto da non trascurare quando si decide di applicare la tappezzeria è lo stato dei muri: bisogna verificare se le superfici siano adatte a questo tipo di tecnica. Se non tutte si prestano, ecco che ci viene incontro l’alternanza.

    La manutenzione

    Prima di dire ok a quella carta da parati che tanto ci piace, dobbiamo informarci adeguatamente sulla sua manutenzione. Ogni tipo di materiale ha una metodologia di conservazione adeguata. Tutte le tappezzerie hanno bisogno di cure, nessuna esclusa. Seppur poco impegnative, non vanno trascurate affinché durino nel tempo.

    Soprattutto se scegliamo fantasie chiare, dobbiamo prestare attenzione che il tempo, l’usura e la polvere non vadano a intaccare il colore, creando aloni piuttosto antiestetici. Informarsi sulle procedure da attuare ci indirizzerà nella scelta.