Il colore delle pareti della cameretta: idee e spunti per non scegliere i soliti rosa e azzurro

La cameretta deve essere un luogo riposante ma anche stimolante: si può giocare con colori e abbinamento senza optare per le tinte classiche

da , il

    Il colore delle pareti della cameretta: idee e spunti per non scegliere i soliti rosa e azzurro

    Quando si deve creare una cameretta per bambini da zero, perché sia bella e contemporanea è necessario scegliere i giusti colori per le pareti, che non siano banali ma nemmeno troppo forti, che sappiano creare un ambiente rilassante ma al contempo stimolante per la creatività dei bambini, venendo anche incontro ai loro gusti se giù grandicelli.

    Rosa e azzurro sono i due colori più comuni: una scelta per andare sul sicuro, ma in un certo senso un po’ superata, così come la netta divisione tra colori “da maschi” e colori “da femmine”. Per questo motivo, è sempre più comune trovare camerette incentrare su toni anche inaspettati, sia freddi che caldi, ma anche neutri, che consento una maggiore personalizzazione di complementi e accessori. Anche le soluzione “interattive” per le pareti sono molto amate, rendendo la cameretta un angolo di gioco molto personale e speciale.

    Ecco allora qualche idea per dipingere o decorare le pareti della cameretta in maniera moderna e originale.

    I colori neutri

    i colori neutri
    Foto Shutterstock | Followtheflow

    La scelta di colorare le pareti di toni neutri, tra il beige, il grigio e il tortora, è perfetta se si vuole creare una cameretta in stile nordico. Le pareti di questi colori si abbinano molto bene a mobili in legno chiaro e bianco, ma anche a decorazioni sullo stesso genere: nuance chiare e tenui non significano una cameretta spoglia!

    Giocattoli creativi in materiali naturali sono perfetti per una stanza in stile scandinavo, dove il bambino può giocare e creare, ma anche rilassarsi.

    Il verde, intenso o pastello

    Il verde, intenso o pastello
    Foto Shutterstock | Photographee.eu

    I nuovi trend in fatto di camerette vogliono il verde come nuovo colore protagonista, sia pastello come nell’immagine in copertina, che più intenso, che richiama i toni del bosco: la scelta perfetta per richiamare le ambientazioni di fiabe e favole, per far sognare il bambino. Il verde inoltre stimola la calma, elemento fondamentale per i più piccoli.

    Le pareti di questo colore si abbinano molto bene a pavimentazioni in parquet ed elementi color legno ma anche bianchi, per stemperare una tinta particolarmente scura.

    Black&white, con lavagna

    Black&white, con lavagna
    Foto Shutterstock | Julia Kobzeva

    Bianco e nero per una cameretta? Perché no se alle pareti bianche classiche si abbina una o più lavagne nere per cambiare l’aspetto della cameretta ogni giorno. Oppure, si può verniciare un’intera parete con la pittura effetto lavagna, facilissima da pulire per dare vita ogni giorno a un nuovo disegno.

    Questa è una soluzione perfetta per unire minima spesa alla massima resa, che grazie inoltre all’abbinamento dei due non-colori, consente di sbizzarrirsi con accessori e mobili.

    Le tinte calde accese

    Le tinte calde accese
    Foto Shutterstock | New Africa

    Tutt’altro stile per le camerette dalle tinte accese: le pareti dai colori caldi brillanti donano energia e vitalità, stimolano il gioco e rendono la cameretta più simpatica.

    Il colore ideale è l’arancione, ma anche il giallo può essere un’opzione interessante, magari solo su una o due pareti, abbinando poi elementi bianchi per fare esaltare il colore protagonista.

    La carta da parati

    La carta da parati
    Foto Shutterstock | Photographee.eu

    Una scelta sempre ottimale quando si parla di camerette è la carta da parati: mille possibilità di fantasie per decorare in maniera unica la stanza, facile da sostituire seguendo la crescita e i gusti di chi la viva. Meglio sempre sceglierla di tipo lavabile per mantenerla nel tempo bella con grande facilità.

    Che colore sei? [TEST]

    Domanda 1 di 10

    Gamma di colori: quale preferisci?