Ultima nata da Kartell: lampada da tavolo di Ferruccio Laviani

Ultima nata nella famiglia Kartell Lights, la lampada da tavolo Taj è un concepì di Ferruccio Laviani: una silhouette dalle linee contemporanee, più che una lampada è un segno tridimensionale, una scultura luminosa, una presenza che ci accompagna sulla scrivania come su un mobile

da , il

    Ultima nata nella famiglia Kartell Lights, la lampada da tavolo Taj è un concepì di Ferruccio Laviani: una silhouette dalle linee contemporanee, più che una lampada è un segno tridimensionale, una scultura luminosa, una presenza che ci accompagna sulla scrivania come su un mobile. Questo modello, pur essendo in maniera inequivocabile una lampada da tavolo, vuole uscire dallo stereotipo che generalmente la vede articolata, snodata, meccanizzata, per trovare una forma semplice che serva in modo pratico alla funzione che le è stata affidata. Un oggetto bello sia da spento che da acceso, in puro stile Kartell.

    Taj sfrutta la tecnologia LED per ottimizzare e minimizzare il più possibile la sorgente luminosa e allo stesso tempo costituisce un nuovo step nella sfida tecnologica aziendale realizzando un oggetto dal know-how unico.

    Taj Kartell è realizzata in tre versioni: “naked” (completamente trasparente), nella versione “frozen” (in plastica traslucida) e nella versione in colore lucido coprente, bianco o nero.

    Taj è un prodotto estremamente contemporaneo che Ferruccio Laviani ha saputo disegnare per diventare parte integrante del nostro scenario domestico.

    I prodotti Kartell sono realizzati da un team di designer di fama internazionale: Ron Arad, Anna Castelli Ferrieri, Antonio Citterio, Michele De Lucchi, Ferruccio Laviani, Piero Lissoni, Vico Magistretti, Enzo Mari, Philippe Starck e Patricia Urquiola in un rapporto unico tra designers e azienda che ha costruito un canale privilegiato attraverso il continuo scambio di idee sui progetti e che è riuscita a sviluppare al meglio il potenziale della compagnia in una forma tangibile.

    Più letti