Salone del mobile 2010: il progetto Town@House Street

Nuovo progetto Town@House Street ideato dal Comune di Milano insieme ad Alessandro Rosso e Simone Michieli

da , il

    progetto town@house street

    E’ stato presentato ieri a Milano, presso Palazzo Marino, un nuovo progetto ideato e realizzato dal Comune di Milano con l’aiuto di due grandissimi professionisti: Alessandro Rosso, ideatore del progetto e Simone Micheli famosissimo architetto di fama mondiale. Si tratta di un nuovo modo di concepire il mondo dell’ospitalità e dell’accoglienza attraverso l’ideazione di un network che svilupperà a pieno il concetto di Home away from Home.

    Il progetto, realizzato con la collaborazione ed il patrocinato dall’Assessorato al Turismo, Marketing territoriale e Identità del Comune, è stato appoggiato ed ampliamente supportato dall’assessore Massimiliano Orsatti il quale ha definito questa idea come: “Un progetto innovativo in grado di cambiare la concezione del concetto di accoglienza, una grandissima opportunità per tutti i commercianti milanesi che, vedendo andare a rilento la propria attività, potrebbero divenire imprenditori accettando di trasformare il proprio esercizio commerciale in un vero e proprio progetto alberghiero”.

    L’idea è quella di associare ed unire la ricettività alberghiera di lusso ed il design al concetto di riqualificazione urbana, elemento importantissimo e molto discusso anche in previsione della prossima Expo 2015. Un progetto davvero innovativo che è nato pensando a tutti i negozi vuoti, sfitti presenti in tutta la città di Milano, locali privi di anima e di movimento che potrebbero essere riutilizzati trasformandoli in accoglienti camere d’albergo pensate per ospitare giovani studenti, coppie, uomini d’affari o turisti.

    Le prime quattro suite, veri e propri mini appartamenti completi di ogni comfort che verranno presentati il prossimo 14 aprile in occasione dei cinque giorni di fuoco del Salone del Mobile, sono state realizzate con una forte impronta moderna: design di ultimissima generazione e contemporaneità sono infatti le parole chiave di queste strutture. In ogni camera è presente un tema principale: nella prima suite è rappresentato fotograficamente, sull’intera parete della stanza, il Duomo di Milano, all’interno della seconda le Colonne di San Lorenzo, nella terza la Galleria Vittorio Emanuele e nell’ultima la Basilica di Sant’Ambrogio. Particolarissimo sarà il pavimento di queste nuove case d’ospitalità: un pavimento realizzato interemente con piastrelle, ideate qualche anno fa in Cina, in grado di trattenere ogni tipo di emissione nociva.

    Un progetto che è per ora stato realizzato solo in alcune strutture commerciali e locali sfitti del centro di Milano, ma che verrà esteso a tutta la città e, si spera, in tutto il resto del mondo.