Come pulire il divano del soggiorno in poche e semplici mosse

Quando si parla di pulizie di casa, ci sono angoli difficili da raggiungere e che sembra impossibile lavare. Il divano, però, non è uno di questi, perché vi sveliamo i trucchi per pulirlo in modo semplice

divano chesterfield

Foto Pexels | Davide Locatelli

oto Pexels | Davide Locatelli

Il divano è il cardine del salone: attorno a questo oggetto si sviluppa l’arredo e la palette colori di tutta la stanza. È il posto migliore per rilassarsi, guardare un film, fare due chiacchiere con gli amici. Ovviamente, essendo così vissuto, è facile che si sporchi. Ma ci sono modi semplici e veloci per mantenerlo pulito e bello.
Per evitare che si rovinino tessuti e pellami, è bene conoscere i migliori prodotti specifici, ecco una guida completa alla manutenzione del vostro divano.

divano velluto

Foto Pexels | Вахтбович Максим

La cura del divano ogni giorno

Ovviamente, prevenire è meglio che curare. Quindi, quando parliamo di pulizia del divano, questo si traduce in una manutenzione quoditiana. Basta poco: utilizzate l’aspirapolvere per rimuovere briciole, polvere e pelucchi, e spazzolatelo con un panno morbido o setole delicate.

Divano in tessuto

Se il vostro divano è in tessuto sfoderabile, la cura è un gioco da ragazzi: basterà “spogliarlo” e mettere in lavatrice (o portare in tintoria) il rivestimento.
Se decidete di lavarlo in casa, potete anche creare un detergente home made: in un litro di acqua mescolate un bicchiere di aceto bianco o bicarbonato e alcune gocce di olio essenziale di eucalipto. Se preferite potete sostituire l’aceto con il bicarbonato. Una volta ottenuta la miscela, inumidite un panno morbido e applicatelo su tutta la superficie del divano.

divano tessuto

Foto Pexels | Andrea Piacquadio

Per le macchie “improvvise” (come un bicchiere che si rovescia, o il vostro snack preferito che scivola via dal piattino): un litro d’acqua con due cucchiai di ammoniaca (o, in alternativa, succo di limone o bicarbonato), da applicare sulla macchia per poi essere risciacquato con una spugna bagnata d’acqua.
Il sapone di Marsiglia è perfetto per le macchie persistenti: strofinato sul tessuto umido e lasciato agire per 15 minuti. Poi risciaquate delicatamente, meglio se con una lavapavimenti a vapore.

Divani in pelle

La pelle è estremamente sensibile ai trattamenti, per questo l’ideale è la pelle di daino bagnata in acqua tiepida.
Se il divano è bianco, una soluzione di acqua tiepida e detergente delicato è l’ideale. Mentre, se vi accorgete subito della macchia, basterà tamponare con del borotalco per asciugarla.
La pelle colorata invece dà qualche pensiero in più: il sapone di Marsiglia liquido, comunque, applicato e poi rimosso con la pelle di daino umida è sempre efficace.

divano pelle

Foto Pexels | Charlotte May

Divani in velluto

La prima cosa da fare quando si vuole pulire un divano in velluto è rimuovere la polvere. Farlo è molto semplice: basta spazzolarlo prima nel verso del pelo, e poi contro. Aceto bianco e acqua tiepida è invece la miscela più adatta, da applicare con una spazzola a setole molto morbide. Se le macchie fossero persistenti, o unite, si potrà aggiungere qualche goccia di detersivo per piatti. È poi importante ricordare di asciugare il divano, si può fare tranquillamente con un asciugacapelli che però deve essere tenuto a debita distanza, per evitare la formazione di aloni.

Parole di Elena Pavin