Balcone verandato: come arredarlo in poche mosse

Dalla scelta dei materiali alle luci più adatte, dagli elementi d'arredo ai colori, ecco come arredare una veranda in modo funzionale

balcone verandato veranda

Foto Shutterstock | ocwarfford

In quest’ultimo anno abbiamo imparato ad apprezzare, ancora di più, balconcini, terrazze e verande. Quest’ultima, in particolare, se da prima in molte case era destinata a fare da “ripostiglio” esterno, adesso sta diventando sempre di più parte integrante della casa.
Un luogo che, se arredato bene, può essere uno “sfogo” alle lunghe giornate chiusi in casa dove rilassarsi e fare un aperitivo tranquillo con i propri conviventi.

Una veranda da sogno: ecco come arredarla in modo funzionale

Dalla scelta dei tessuti ai materiali da utilizzare, ecco alcuni consigli per rendere la vostra veranda uno spazio piacevole da abitare e dove passare momenti in totale relax, lontani dalla frenesia dello smart working.

Come ben saprete la veranda è un balcone chiuso e realizzato, solitamente, in materiali come vetro e acciaio.
Per arredarla al meglio potete scegliere tutti i vostri materiali preferiti. Potete, ad esempio, prediligere il legno per gli elementi quali poltroncine e tavoli, da abbellire con cuscini e tovagliette in cotone o in lino, durante le stagioni più calde.

Essendo al chiuso la veranda è uno spazio casalingo perfetto anche per passare le fredde serate invernali o le prime e tiepide sere primaverili. Per questo vi consigliamo di acquistare anche delle coperte, in pile o nei tessuti che preferite, per godervi uno spritz o un the al caldo al calare della notte.

balcone veranda mobili legno

Foto Shutterstock | avtk

Di giorno, se ben esposta, la veranda trae la sua fonte principale di illuminazione dalla luce naturale. Per la sera, invece, è bene posizionare delle lampade da terra o dei faretti da soffitto per poter godere a pieno di questo spazio.

Nonostante sia uno spazio esterno, la veranda fa comunque parte della casa. I colori, quindi, devono essere in armonia con gli spazi interni adiacenti. Sulla scelta delle nuances più adatte non ci sono regole. Tutto dipende dal vostro gusto personale, anche se noi vi consigliamo di scegliere tonalità pastello o calde, evitando così i colori freddi, che renderebbero lo spazio più “angusto” e gli toglierebbero la sua naturale aura di luogo rilassante.

veranda mobili illuminazione

Foto Shutterstock | Arsel Ozgurdal

Anche per quanto riguarda lo stile dell’arredamento potete lasciarvi guidare dal vostro gusto personale. Dallo stile minimal a quello vintage, dall’industrial al Japandi, ogni veranda può essere abbellita seguendo il vostro personalissimo stile. Sicuramente, per rendere la verdana più funzionale, lo stile minimalista è il più indicato.
In particolare, noi vi consigliamo di arricchire lo spazio in modo funzionale, posizionando all’interno della veranda tutti quegli elementi d’arredo che possono essere utili ai vostri momenti di relax, come un piccolo mobile bar o una mini libreria.

Ovviamente, nella veranda non possono mancare piante e fiori ornamentali. Se non avete il pollice verde, potete sempre virare su del Potpourri, che oltre a donare un tocco di colore all’ambiente lo rende anche profumatissimo.

[npleggi id=”https://www.designmag.it/articolo/10-idee-per-arredare-un-terrazzo-da-sogno-ma-economico/20113/” testo=”10 idee per arredare un terrazzo da sogno ma economico”]

Chi l’ha detto che lo smart working deve essere svolto necessariamente in casa? Assolutamente nessuno. Proprio per questo, se lo spazio ve lo consente, potreste trasformare la vostra veranda in un piccolo studio. Arredandolo in modo funzionale, senza rinunciare ad un tocco di creatività utilizzando accessori di tendenza, come quelli proposti da H&M Home, riuscite a creare in casa un ufficio accogliente. In questo modo lavorare da casa diventerà sicuramente molto più piacevole.

[npleggi id=”https://www.designmag.it/articolo/come-arredare-una-veranda-coperta-tanti-spunti-di-stile-da-seguire/25113/” testo=”Come arredare una veranda coperta: tanti spunti di stile da seguire”]

Parole di Benedetta Minoliti

Benedetta Minoliti, nata a Milano il 24 marzo 1993. Sono laureata in Lettere moderne all’Università degli Studi di Milano e diplomata presso la Scuola di Giornalismo dell’Università Cattolica di Milano. Non esco mai di casa senza le cuffie, ascolterei la musica anche mentre dormo e adoro scattare polaroid. Collaboro con AlaNews nella produzione di contenuti per il network Deva Connection.