Bonus infissi 2023: come funziona, quando scade, novità

Se avete intenzione di sfruttare i bonus infissi per il 2023 ecco le notizie essenziali e aggiornate di cui avete bisogno per cogliere l'occasione di sostituire i serramenti di casa

bonus infissi 2022

Foto Shutterstock | New Africa

Vediamo come funziona il Bonus Infissi 2023. In particolare sono tre le possibilità per chi decide di sostituire gli infissi di casa. Cioè Ecobonus, Bonus ristrutturazione e Superbonus 110% o Bonus sicurezza, tra i tanti Bonus Casa approvati per i prossimi anni. Ed ecco le novità da tenere presente.

Bonus infissi con Ecobonus

Se si decide di sfruttare l’Ecobonus si ha diritto alla detrazione fiscale del 50% della spesa fino a un massimo di 60.000 euro (10 rate annuali) ma solo per lavori di sostituzione o modifica di serramenti già esistenti. E solo se i nuovi infissi sono garantiti in termini di efficienza termica. In pratica devono migliorare le prestazioni energetiche dell’immobile.

I lavori possono riguardare finestre, porte finestre, porte blindate, porte di ingresso. Ma anche tapparelle, persiane, avvolgibili e tende da sole orientate a nord. Ovviamente il pagamento deve essere tracciabile, eseguito ad esempio tramite bonifico.

Bonus sicurezza

sicurezza casa
Foto Shutterstock | di Photographicss

Il Bonus Sicurezza 2023 2024 consiste in una detrazione fiscale pari a 50% su una spesa massima di 96.000 euro. Si possono installare sistemi antifurto, grate, inferriate, porte blindate, persiane e tapparelle di sicurezza. La detrazione di spalma in 10 anni, non è necessaria la ristrutturazione e la scadenza è il 31 dicembre 2024. 

Bonus ristrutturazione per gli infissi

Per ottenere le agevolazioni fiscali per la sostituzione degli infissi si può sfruttare anche il Bonus ristrutturazione con detrazione del 50% fino a un massimo di 48.000 euro delle spese sostenute. Ciò vale sia in caso di manutenzione straordinaria, restauro, risanamento conservativo o ristrutturazione edilizia.

Superbonus per infissi

tetto con finestre a sporgere
Foto Shutterstock | Gorloff-KV

Oppure si può scegliere il Superbonus 110%, con la sostituzione a costo zero, purché contestuale ad altri interventi detti ”trainanti” e soprattutto se si è presentata la Cilas entro il 25 novembre 2022. In questo caso la detrazione fiscale sarà prorogata al 31 dicembre 2023. Altrimenti si può chiedere il superbonus 90% fino al 31 dicembre 2023.

Quando scade la possibilità di chiedere l’agevolazione?

Il termine per Ecobonus e Bonus ristrutturazione è il 31 dicembre 2024. Il Superbonus 110% scade il 31 dicembre 2023 per i casi detti sopra, poi scende al 70% per i lavori fatti entro la fine del 2024 e cala ancora al 65% dal 1° gennaio 2024 e fino al 31 dicembre 2025.

Ti è piaciuto questo articolo? Segui DesignMag su Google News per non perdere una tendenza!

avatar autore

Parole di Kati Irrente

Giornalista per passione, scrive per il web dal 2008 spaziando da argomenti di cronaca e attualità alle ultime tendenze in fatto di lifestyle. Addicted del vivere green e della buona cucina, divide il tempo libero tra musica, cinema e fumetti d’autore.