L’Hotel Puerta America nasce dalla collaborazione di designer di fama mondiale

da , il

    L’Hotel Puerta America di Madrid non è certo una novità perchè ha aperto i battenti da più di 5 anni fa eppure ancora se ne parla perchè è oggetto di una degli interventi d’interni più complesse al mondo e perchè ha dato il via alla collaborazione di designer di fama mondiale con architetti che fino a qual momento non si erano mai confrontati con l’interior design (molti di questi ci hanno preso gusto e continuano con successo le incursioni nel campo del disegno degli spazi). L’hotel rappresenta un’opera che sveglia i sensi dell’ospite, che rompe schemi grazie all’uso di diversi colori, materiali, forme e stili.

    Si tratta di un progetto che ha riunito diciannove tra i migliori studi di architetti e designer del mondo, di tredici nazionalità diverse. Ognuno dei livelli dell’edificio propone un concetto diverso di ambiente giocando col meglio del design e dell’architettura d’avanguardia.

    Ne esce un interior design eclettico e molto audace la cui realizzazione è stata lunga tre anni, si è lavorato in modo intenso con un investimento di circa 75 milioni di euro. La vasta superficie a disposizione, superiore ai 34 mila metri quadrati, ha permesso di accogliere artisti di nazionalità e di culture diverse che lavorassero più o meno contemporaneamente.

    Tutti i piani mostrano la stessa distribuzione, con una lobby centrale davanti all’uscita dell’ascensore ed un corridoio con le camere da un lato e dall’altro.

    C’hanno lavorato Zaha Hadid, Jean Nouvel, Ron Arad, Javier Mariscal e Arata Isozaki….ma sono molti di più, ve li presenteremo nel corso dei prossimi articoli.