Fondation Cartier: mostra sul Voodoo allestita da Enzo Mari

Fondation Cartier: mostra sul Voodoo allestita da Enzo Mari

La Fondation Cartier pour l'art contemporain presenta per la prima volta un eccezionale gruppo di oggetti Voodoo dalla raccolta in una scenografia ideata da Enzo Mari, uno dei grandi maestri del design industriale italiano

da in Designer, Mostre Design
Ultimo aggiornamento:

    La Fondation Cartier pour l’art contemporain presenta per la prima volta un eccezionale gruppo di oggetti Voodoo in mostra in una scenografia allestita da Enzo Mari, uno dei grandi maestri del design industriale italiano. Kerchache Jacques, esploratore, è morto dieci anni fa prima che potesse organizzarla lui la mostra, così quella di chiamare Enzo Mari, famoso per la sua schiettezza e semplicità è sembrata la scelta più giusta ed è organizzata in stretta collaborazione con la moglie del collezionista che, già alla fine degli anni Sessanta, aveva riconosciuto la “potenza estetica e originalità stupefacente” della statuaria voodoo.

    Fu durante i suoi viaggi che per primo entrò nell’attuale Benin e cominciò a mettere insieme ciò che è diventata la più importante raccolta esistente di statuaria voodoo africana.

    La mostra presenta circa cento oggetti, tra cui alcuni che ora appartengono ad altri collezionisti privati.

    Attraverso la sua semplicità, il rigore e il silenzio meditativo, il disegno della mostra permette a questi oggetti impenetrabili di parlare: “Ho immaginato Jacques kerchache arrivato per la prima volta in Benin, con qualche idea del soggetto, ma nessuna esperienza diretta. Forse la prima cosa che vide furono i pezzi più grandi, in piedi davanti alle case di un villaggio.

    Egli allora avrebbe parlato con qualcuno, ascoltato alcune storie, ha scoperto più oggetti. Allo stesso modo, i visitatori di questa mostra, scopriranno gli oggetti più segreti. ” dice Enzo Mari.

    Il designer, che da poco ha pubblicato un autobiografia, ha avuto l oppurtunità di entrare in contatto col Voodoo durante un viaggio negli anni ’90 e ha assistito a scene di estasi e sacrifici.

    308

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN DesignerMostre Design
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI