Stufe in ghisa: quali scegliere per scaldarci quest'inverno

Le stufe in ghisa hanno molti vantaggi e rappresentano una valida alternativa al riscaldamento a gas. Scopriamo quali sono i migliori modelli

interno con stufa in ghisa a legna

Foto Shutterstock | Anatoliy Eremin

Tra i vari tipi di riscaldamento alternativo al gas ci sono anche le stufe in ghisa che in genere sono alimentate a legna, ma come combustibile si possono usare anche i pellet, il carbone o il bioetanolo. Poi ci sono anche modelli di stufe elettriche in ghisa. Quali sono i modelli migliori? Dipende dalle caratteristiche e dalle necessità di riscaldamento. Scopriamone di più.

La stufa in ghisa ha diversi vantaggi perché questo materiale, una volta riscaldato dalla combustione della legna, o del pellet in caso di stufe a pellet, consente di accumulare calore che si propaga nell’ambiente per irraggiamento in maniera graduale.

Ciò consente di usare meno combustibile e avere una resa maggiore per quanto riguarda il riscaldamento di tutta la casa.

Quali stufe a ghisa scegliere tra le tante in commercio

stanza con stufa in ghisa ad alta efficienza energetica
Foto Shutterstock | createthis

Per una resa ottimale, i migliori modelli di stufe a ghisa sono quelli che hanno una camera di fuoco molto ampia. Infatti questa caratteristica consente di poterla caricare una volta sola con una grande quantità di legna e quindi permette di avere un’autonomia di riscaldamento più lunga rispetto ai caminetti classici.

Inoltre è una soluzione molto versatile ideale per chi vuole anche cucinare. Infatti molti modelli di stufa in ghisa hanno una piastra superiore che può essere usata come cucina. Oppure, nei modelli a colonna più alti, ci sono dei vani sopra la camera di combustione che funzionano come un vero e proprio forno.

Certamente questi modelli sono da considerare economici perché, a fronte di un investimento iniziale per l’acquisto, permettono di risparmiare sulla cottura dei cibi. Quindi consentono di usare le stufe a ghisa sia per riscaldare l’ambiente che per cucinare, e questo porta ad un risparmio sul consumo di gas.

Altro vantaggio della stufa in ghisa riguarda il prezzo. Infatti i modelli più semplici e classici, dalle forme regolari e senza rivestimenti in ceramica, hanno prezzi a partire dai 400 euro. Ovviamente per modelli più particolari si può arrivare anche oltre i 4000 euro.

Ricordate che questo tipo di stufe hanno bisogno della canna fumaria per scaricare i fumi della combustione, ma in alcune regioni è vietato accendere camini e stufe a legna, quindi leggete prima il nostro articolo sul tema e assicuratevi di poter usare le vostre stufe in ghisa in tutta sicurezza.

Ti è piaciuto questo articolo? Segui DesignMag su Google News per non perdere una tendenza!

avatar autore

Parole di Kati Irrente

Giornalista per passione, scrive per il web dal 2008 spaziando da argomenti di cronaca e attualità alle ultime tendenze in fatto di lifestyle. Addicted del vivere green e della buona cucina, divide il tempo libero tra musica, cinema e fumetti d’autore.