Gusci di nocciole per stufe a pellet, si risparmia per davvero?

State facendo i conti e il pellet di legno costa troppo? I gusci di nocciole rappresentano una valida alternativa al legno da bruciare nelle stufe a pellet. Il risparmio con questa biomassa è notevole

sacco con gusci di nocciole

Foto Shutterstock | Ksenia Lada

Tra i combustibili detti a biomassa che si possono bruciare nelle stufe a pellet ci sono anche i gusci di nocciole. Ma è vero che fanno risparmiare? Il guscio delle nocciole può essere considerato un valido combustibile e usandolo al posto del pellet come riscaldamento alternativo al gas può far risparmiare. Scopriamone di più.

Si risparmia con i gusci di nocciole nella stufa a pellet?

stufa a pellet e miscela di pellet in barattolo di vetro
Foto Shutterstock | Matt Becc

Se non sapete come scegliere il pellet leggete prima di tutto il nostro approfondimento. E poi, se avete scelto di usare i gusci di nocciole dovete sapere che questo combustibile naturale è composto soltanto dal guscio delle nocciole, prodotto di scarto di altre lavorazioni alimentari.

I gusci di nocciole tritati sono usati nelle stufe a pellet, ed a parità di potere calorifico il risparmio calcolato dagli esperti è stimato intorno a 4,2 KWh/kg. In soldoni il risparmio economico si aggira sul 40%.

Questo è dovuto sia per il prezzo di vendita media al quintale, ma anche dall’IVA. Se sul Pellet di legno l’IVA è del 22%, per i gusci di nocciole triturati si scende al 10%.

Attenzione, però, per bruciare questo tipo di biomassa, così come per il nocciolino, occorre che la stufa a pellet sia policombustibile. Si possono sempre apportare delle modifiche, ma devono essere effettuate da personale specializzato.

Ti è piaciuto questo articolo? Segui DesignMag su Google News per non perdere una tendenza!

avatar autore

Parole di Kati Irrente

Giornalista per passione, scrive per il web dal 2008 spaziando da argomenti di cronaca e attualità alle ultime tendenze in fatto di lifestyle. Addicted del vivere green e della buona cucina, divide il tempo libero tra musica, cinema e fumetti d’autore.