Come posizionare il condizionatore in casa: qualche consiglio

Camera da letto dai toni neutri con letto matrimoniale, divano e condizionatore

Foto Shutterstock | Ekkamai Chaikanta

Al giorno d’oggi ci sono tantissime persone che in casa hanno intenzione di installare un impianto condizionatore, utile in estate per regalare quel piacevole refrigerio in casa, ma anche nella stagione più fredda per riscaldare.

Non bisogna dimenticare che è molto importante un corretto posizionamento, in maniera tale che possa rivelarsi una scelta utile. Ecco tutto quello che serve sapere e per ulteriori dettagli ci si può affidare alla competenza di aziende esperte del settore come Promoclima.

Consigli per il posizionamento del condizionatore

L’unità interna del condizionatore è quella da cui esce l’aria, fredda o calda in base alla stagione. Proprio questo è l’elemento cruciale per fare in modo che l’ambiente possa essere più vivibile e che non si avverta il peso del freddo o del caldo.

Un primo aspetto da sottolineare è che l’unità interna di un condizionatore andrebbe preferibilmente collocata a una certa distanza sia da oggetti che da mobili che, in qualche modo, potrebbero bloccare la ventilazione e dunque la distribuzione dell’aria. L’ideale è sempre posizionare l’unità interna ad almeno 15-20 centimetri dagli altri mobili.

Senza dimenticare che non va posta molto vicina al soffitto che potrebbe risultare di intralcio: il consiglio è quello di porla al centro della parete dell’ambiente in cui c’è bisogno dell’aria condizionata. In tal modo si avrà il risultato desiderato e non ci saranno limitazioni di funzionalità dell’apparecchio.

Attenzione anche a non commettere un errore abbastanza frequente, ossia quello di porre l’unità interna in corridoio, sperando che si possa avere un’aria climatizzata che possa raggiungere più stanze nello stesso momento. I risultati sarebbero abbastanza deludenti e si avrebbe uno spreco di energia, oltre che una dispersione di temperatura, davvero poco proficuo. Oltre a dover considerare che l’unità interna non dovrebbe essere posizionata in modo tale che il flusso dell’aria possa arrivare in modo diretto sulle persone.

Questo inevitabilmente significa che è meglio evitare di collocarlo nei pressi di poltrone, letti o scrivanie, giusto per fare un esempio, così da non correre il rischio di andare incontro a problemi di salute. Finendo con l’evidenziare che lo split interno va posizionato in modo che sia facilmente raggiungibile per la pulizia o per le semplici operazioni di manutenzione.

Condizionatore in camera da letto: come posizionarlo?

In estate la calura può diventare un problema importante soprattutto in camera da letto, rischiando seriamente di compromettere il sonno. Il che porta tantissime persone a scegliere di acquistare un condizionatore da posizionare in questo ambiente, così da avere sollievo e dormire serenamente.

Non bisogna posizionare il condizionatore dietro mobili o tende in quanto non ci sarebbe una circolazione fluida dell’aria e si avrebbe solo un elevato spreco di energia. Per fare in modo che si possa avere un gradevole effetto refrigerante, è bene puntare sulla porzione più alta della parete in maniera tale che l’aria fredda si diffonda più facilmente verso il basso. Potrebbe essere un’ottima idea quella di posizionare il condizionatore sopra una porta, ad esempio.

Così come, potrebbe essere utile scegliere di collocarlo in una parete laterale, così da avere aria fresca che possa raggiungere bene tutti gli spazi della camera e non creare fastidio nelle ore di riposo. Mai a ridosso del letto o sopra la testiera dello stesso, in quanto vi è il rischio di andare incontro a malanni di vario genere.

Posizionare il condizionatore in soggiorno

Coloro che preferiscono avere un impianto di condizionamento nel soggiorno, non devono dimenticare che questo va posto in modo tale che migliori l’aria senza arrecare disturbo.

Meglio optare per le zone di passaggio, dunque pareti che siano lontane da divani o tavoli che possano accogliere persone che mal sopportino l’aria condizionata. La scelta ideale è quella di collocare un condizionatore in una parete laterale e che non porti all’emissione di aria direttamente sulle persone che potrebbero occupare quell’ambiente.

Così come anche per quanto concerne il soggiorno, va assolutamente evitato di posizionare il climatizzatore nei pressi di mobili o tende, in quanto non si avrebbe alcun cambiamento di clima nell’aria, ma solo un forte spreco di energia, e dunque di denaro.

Si può posizionare il condizionatore in cucina?

Molti pensano di far installare lo split del condizionatore direttamente in cucina, un ambiente molto vissuto in una casa e dove il caldo può diventare intenso, soprattutto in certe ore del giorno. In teoria, potrebbe anche rivelarsi una buona idea, ma ci sono alcuni aspetti da considerare: in primo luogo la differenza di temperatura che inevitabilmente si viene a creare quando si utilizzano i fornelli.

Questo comporta che vi sia uno spreco di energia importante in termini di impianto di condizionamento, per cui è preferibile optare per un utilizzo principalmente in orari differenti rispetto a quelli in cui si è soliti cucinare. Ma ciò rischierebbe di limitare molto l’utilizzo del condizionatore, per cui, in linea di massima, la cucina non è propriamente lo spazio ideale nel quale posizionare questo dispositivo.

Meglio puntare sugli altri ambienti della casa, nei quali si possa avere una resa energetica decisamente maggiore.