Consigli e idee per decorare con arazzi, tappeti e tessuti le pareti della casa

Dimenticate stili obsoleti (e polverosi): basta saper scegliere il giusto design

da , il

    Consigli e idee per decorare con arazzi, tappeti e tessuti le pareti della casa

    Quando pensiamo ad arazzi e tappeti alle pareti, ci vengono in mente case antiche e di altre epoche, se non addirittura uno stile superato e obsoleto. In realtà, possono essere un elemento decorativo estremamente contemporaneo, capace di dare un tocco più particolare alla vostra casa. Infatti, non esistono più esclusivamente trame e disegni tradizionali, ma sono tante le proposte che utilizzano materiali e colori più moderni (qui la nostra guida a tutti gli stili e tendenze contemporanei). Molto di moda è anche scegliere prodotti tessili provenienti da zone lontane, in particolare Nord Africa e Medioriente, dove la tradizione dei tappeti è antica affascinante: l’opzione perfetta per chi ama viaggi e atmosfere esotiche, magari da calare in un contesto minimale.

    Se siete tentati dagli arazzi ma non volete sbagliare, ecco i consigli degli esperti in merito.

    Che sia un continuum dell’arredamento

    Arazzi e tappeti (2)
    Foto Pexels | Meru Bi

    Un arazzo o un tappeto alla parete, affinché risultino eleganti e di classe, è importante che siano coerenti con lo stile di tutta la stanza per colore e design. Se per esempio il nostro salotto è giocato tutto sui toni freddi, si può scegliere qualcosa in perfetta nuance oppure che stacchi senza entrare in contrasto. Il blu è ottimo per creare un ambiente particolarmente rilassante: abbinato a un parquet “glaciale” è semplicemente perfetto.

    Se invece abbiamo mobili in noce scuro e il colore dominante della stanza è il caldo degli arancioni e dei bordeaux, l’opzione migliore sarà il tradizionale intreccio dei tappeti persiani.

    La dimensione

    Vista la predominanza estetica di questi elementi, devono avere un ruolo da protagonisti sulle pareti. Sceglierli di dimensioni adeguate allo spazio e disposizione, occupandone buona parte, darà loro il giusto risalto. Infatti, non hanno bisogno di essere circondati da altri elementi, come per esempio quadri e fotografie, ma devono potersi espandere in tutta la loro bellezza: non è certo un accessorio minimal in senso stretto, seppur tale può essere la trama o il disegno.

    Scegliere come appenderlo

    Arazzi e tappeti (3)
    Foto Unsplash | Andrea Davis

    Che sia un arazzo, un tappeto o semplicemente un tessuto, molto dello stile della stanza lo farà come verrà appeso. Questi decori possono essere fissati in vari modi:

    - fissati solo nei quattro angoli: essendo morbidi, per dare quell’effetto rilassato, devono essere bloccati con estrema attenzione, senza però tendere eccessivamente il tessuto

    - appoggiare il decoro su una lastra di plexiglass o addirittura inserirlo tra due: in questo modo rimarrà perfettamente teso e protetto da urti e polvere, consentendogli di durare più a lungo, soprattutto nel caso in cui si tratti di un arazzo antico. Bisogna stare attenti a come viene distribuito il peso e soprattutto a come viene inclinato. Se particolarmente pregiato, si possono installare delle fonti di luce dirette, che faranno effetto galleria d’arte

    - appenderli con una cordina se si tratta di un tessuto o un tappeto particolarmente leggere: l’effetto molto bello e informale, si adatta molto bene in caso di oggetti etnici o con stampe moderne

    - installare i pannelli, molto pratici e comodi, grazie ai diversi tessuti e materiali possono essere la soluzione anche per bagno e cucina

    - incorniciarli, creando una sorta di ibrido tra arazzo e quadro, molto interessante

    Ciascun modo avrà un impatto diverso sul nostro interior design, che quindi risulterà più o meno classico, oppure rilassato e attuale.