Shabby Fusion: lo stile che unisce il classico al moderno

Shabby Fusion: lo stile che unisce il classico al moderno

Cos'è lo stile shabby fusion, come funziona e come si arreda una casa senza commettere errori? Scoprite tutto in questo articoli, dove troverete anche numerosi consigli

da in Architetti, Come arredare
Ultimo aggiornamento:

    Mai sentito parlare di stile shabby fusion? Di sicuro vi siete imbattuti in quello shabby chic, ovvero uno stile che punta molto sul recupero di mobili e complementi, da riciclare o da recuperare nella propria cantina, o da acquistare già in versione anticata e invecchiata, con i quali arredare la propria casa. Lo shabby fusion, proprio come suggerisce il secondo termine, unisce l’antico al moderno, il tocco romantico e passionale con dettagli ed elementi decisamente contemporanei. Spesso accade di non saper scegliere alla perfezione lo stile più adatto, perché il moderno piace a molti, perché pulito ed essenziale, ma tutti siamo legati ad alcuni elementi del nostro passato, che vorremmo vivessero una seconda, o più vita, all’interno delle pareti domestiche. Rientrate in questa macro categoria? Allora lo stile shabby fusion è proprio ciò che fa per voi!

    Lo stile shabby fusion nasce da un’idea dell’architetto Francesca Blasi, che ha sperimentato proprio all’interno delle sue pareti domestiche questo modo di vivere in maniera del tutto nuova la propria casa. Il desiderio era quello di unire il vecchio con il moderno, ciò che è passato e ciò che abbraccia l’era contemporanea. Ed è proprio attraverso le sue mani, con creazioni handmade, personalizzate in base ai propri gusti, che l’architetto è riuscita nel suo intento. Lo stile shabby ultimamente sta spopolando, piace ai più, ma c’è anche chi non può proprio rinunciare a tutte le creazione iper tecnologiche e dal design pulito e minimalista. E allora perché non unire il tutto creando una perfetta “fusione”?

    Capito di cosa si tratta, vediamo insieme alcune regole per arredare in stile shabby fusion la vostra casa.

    Proprio perché si parla di recuperi di materiali ma soprattutto di elementi e complementi che hanno segnato la vostra vita, la vostra storia personale, non dovete far altro che tirarli fuori, estrarli dalle cantine e riportarli alla luce. La fusione perfetta si ottiene mixando i due stili, in teoria al 50% ma sta sempre a voi scegliere, affinché la casa rispecchi perfettamente la vostra personalità. Se avete molte foto incorniciate in legno ormai antico, potete posizionarle lungo il corridoio o in salotto, decorando un’intera parete o una colonna. Bellissime le vecchie sedie a dondolo, che hanno popolato soprattutto le abitazioni dei nostri nonni, così come dei leggii, libri antichi e consumati, giradischi o magari una bella cassapanca da posizionare in soggiorno, o se chiusa come base della vostra tv ultrapiatta. Come vedete ci sono diverse possibilità di dare nuova vita ai vecchi oggetti, basta solo trovare loro la giusta collocazione.

    456

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN ArchitettiCome arredare
    PIÙ POPOLARI