Il futuro è oggi con i progetti di design più incredibili del 2021

Ecco i progetti di design più avvenieristici del 2021: il futuro inizia già a prendere forma

da , il

    bank of norrland

    La tecnologia e l’innovazione stanno facendo passi da gigante. Il mondo del design e dell’architettura non possono che trarre benefici da tali progressi. Vi abbiamo già presentato i migliori musei del 2021 secondo DesignBoom, tra edifici super-tecnologici e fusioni tra presente e passato. Ma la domanda sorge spontanea: cosa ci aspetta in futuro? Proviamo a rispondere andando a scoprire i progetti di design più avvenieristici che sono stati presentati al pubblico nel 2021 e che verranno realizzati nei prossimi anni. Dalla città nel deserto ad un grattacielo fatto di legno, in futuro ci aspettano opere davvero incredibili.

    Il grattacielo di legno più alto del Mondo

    Il legno è un materiale che sta trovando nuova vita, tanto che le pareti in legno sono una delle tendenze di design più moderne. Nel 2020 lo studio Voll Arkiteker ha inaugurato in Norvegia il grattacielo in legno più alto del Mondo con i suoi 85,4 metri di altezza. Ma questo record è destinato ad essere battuto molto presto. Lo studio svedese Anders Berensson Architects ha presentato il progetto del più grande edificio in legno mai costruito. Si chiamerà Bank of Norrland e sarà un cubo di circa 1 km per lato, mostrato nella foto di copertina, realizzato con circa 900 milioni di tronchi ed in grado di ripulire l’aria circostante.

    Una città nel deserto

    city of telosa
    Foto BIG | Bjarke Ingels Group

    Si chiamerà City of Telosa e sarà la città più sostenibile al Mondo. Questo è il progetto dell’architetto danese Bjarke Ingels che vuole costruire una città super tecnologica ed auto-alimentata in una zona desertica degli Stati Uniti. La città nasce dalla visione dell’imprenditore Marc Lore Telosa, da cui prenderà il nome, ed è pensata per stabilire un nuovo standard globale per la vita umana.

    Case galleggianti in Giappone

    floating habitats
    Foto Sony

    Il Giappone, in particolare la capitale Tokyo, è uno dei luoghi messi maggiormente a rischio dall’aumento del livello del mare. L’innalzamento dei mari potrebbe rendere questi ultimi l’unica destinazione possibile già nel 2050. Da qui nasce l’idea del Creative Center di Sony di creare delle case galleggianti super tecnologiche per permettere la vita nell’oceano. Si chiamano Floating Habitats e saranno dotate di energia solare e capaci di convivere con l’ambiente naturale.

    Raccogliere acqua nel deserto

    Il cambiamento climatico sta mettendo in allarme l’intera popolazione mondiale. Innalzamento dei mari, scioglimento dei ghiacciai e desertificazione sono solo alcune delle problematiche che stanno diventando sempre più evidenti. I deserti diventeranno sempre più estesi e, per questo motivo, lo studio BPAS Architects ha pensato ad una soluzione. Si tratta di torri super tecnologiche alte circa 1000 metri ed in grado di raccogliere l’acqua piovana e convertirla in acqua utile ad irrigare i terreni circostanti.

    Stazioni super-tecnologiche

    ephemeral station
    Foto Instagram | of.studio

    Concludiamo con un altro progetto pensato per salvaguardare l’umanità dai cambiamenti climatici. Parliamo di Ephemeral Station, un progetto dei designer di Of. Studio. Si tratta di un rifugio innovativo, un oggetto autoportante in grado di fornire energia, acqua e protezione solare ai propri utenti in qualsiasi località remota in cui si trovi. Un punto di raccolta contenente numerose attività, in grado di auto-alimentarsi rispettando le risorse del luogo in cui si trova.