Profondo verde: il futuro del mondo è a tema green

concept

Green Economy o anche Green Revolution non sono semplici etichette o vuote espressioni alla moda, ma indicano un insieme di trasformazioni che coinvolgono tutti i settori dell’economia e in particolare le attività più legate all’agricoltura: le cosiddette 4 F: Food, Feed, Fuel and Fiber. Si diffonde l’idea che l’economia post-petrolio sarà sostenuta necessariamente dall’Agricoltura (Fao – IAASTD)l. L’approccio “Green” arriva a informare il paesaggio, l’edilizia e l’urbanistica. Promuove lo sviluppo di nuove tecnologie e di una nuova chimica, incide sulla convivenza civile e sulle relazioni tra i Paesi e molto altro. Un nuovo mondo che rimane tutto da immaginare, progettare e realizzare.

Focus

concept

Acciaio dal Pomodoro: l’Olanda è uno dei più importanti produttori di pomodoro in Europa. L’Italia è il primo produttore europeo con 7 milioni di tonnellate. Ciononostante, importa dall’Olanda circa 50mila tonnellate di pomodoro fresco, coltivato in serra. L’Università olandese di Wegeningen ha sviluppato una tecnica per ricavare dalle piante una bioplastica che ha prestazioni meccaniche paragonabili all’acciaio e costi vicini a quelli delle materie plastiche derivate dal petrolio. Utilizzabile per la produzione di packaging e totalmente compostabile a fine vita.

Dal Chip al Clod: la Silicon Valley investe in agricoltura hi-tech e si prepara a sbarcare sulla tavola. I manager di Big Data si alleano, per la prima volta, con il settore agricolo per coltivare in modo “intelligente” grazie ai sensori di ultima generazione e alle tecnologie mobili. Una collaborazione dalla quale nasce Steinbeck Innovation center. Gli agricoltori stanno già testando nuove tecnologie, quali sensori per il suolo che monitorano l’acqua nel terreno dal proprio iPad fino a 750 km di distanza e l’uso di droni per i pesticidi. Fonte: ansa.it

Viaggia con la canapa: la Motive Industries, un’azienda di Calgary, la maggiore città dello Stato canadese dell’Alberta, ha sviluppato e creato la Kestrel: un’auto ad emissioni zero, ecologica in tutto.
Un veicolo con carrozzeria realizzata attraverso fibre di canapa e resine sintetiche, che conferiscono all’automobile un peso ridotto e una resistenza pari a quella della fibra di vetro. Kestrel è un’automobile elettrica del peso di soli 850 kg, caratteristica che contribuirà ad aumentare l’efficienza del motore del 25-30% rispetto alle automobile elettriche tradizionali. Avrà un’autonomia di 160 km e una velocità massima di 135 km/h.

Colori

colori

Tornano nel mainstream i colori e i toni della vita, della speranza e di una nuova visione di futuro. Una cartella lunga e brillante, energica e positiva sembra soppiantare definitivamente le combinazioni spente e depressive di quasi un decennio. Un risultato floreale, estivo anche nelle versioni autunnali, giovane, con qualche effetto fumettistico e rimandi agli anni ‘60 e ‘80.

Grafica

grafica

L’aspetto più interessante è la ibridazione tra gusto green e strumenti hypertech. Il risultato di queste operazioni creative può sembrare, a prima vista, rustico e a tratti naif. Nasconde invece sofisticate lavorazioni al laser e simulazioni 3D iperrealistiche molto spinte. E trova applicazioni anche per ipad, mobile e altri device, che potrebbero sembrare inconciliabili con ogni reminiscenza bucolica.

ambienti

ambienti

La neo-edilizia esplora le possibilità di costruire nella natura, confondendosi con l’ecosistema e rinunciando completamente al consumo di risorse naturali non rinnovabili. Le nuove case sembrano serre e le vecchie case sono recuperate con l’unico fine di riciclare il più possibile ogni frammento dell’esistente. Una poetica ultra minimale e francescana sembra essere la nuova frontiera dell’estetica del lusso.

costumi

costumi

Per le stagioni calde: trionfo di fiori e rose (Comme de Garcon, Dries Van Noten) su fondi scuri per un effetto più borghese. Ninfe dei prati e del bosco (GB Valli, Gucci, Masha Reva). Per il freddo: ancora i toni e i disegni della campagna inglese (Harnold Brook): verdi maturi, rossi cotti e tweed e pied de poule anche per l’eskimo.

Musica

Molto blues contemporaneo, ballads che fanno pensare a spazi aperti, accenti blue grass, nuove songstress grintose dalla voce black, tutto parla di vita vera, di storie difficili, di sentimenti intensi.

Parole di Domenico Fucigna

Domenico Fucigna è Architetto e partner di TEA Trends Explorers Associated (Managerzen Progetti srl), società di ricerche previsionali sulle tendenze del mercato e nella consulenza per lo sviluppo di nuovi prodotti. Esperto di innovazione di prodotto, è creatore di un metodo di ricerca e rappresentazione degli scenari del futuro finalizzato all’utilizzo pratico in azienda. Ha collaborato con grandi aziende, numerose testate giornalistiche e tiene seminari presso Corsi di specializzazione e Master. Ha pubblicato articoli su Espansione, Repubblica, Italia Oggi, La Mia Casa, Ufficio Stile e altre testate. E’ autore di: “Futurofilia - Tendenze 2014_2015” TEA Press 2013; “99:1 - Tendenze 2013_2014” TEA Press 2012; “TV Next Entertainment – Scenario delle tendenze internazionali TV” – Rai Eri 2010; “Tracce di Futuro – Tendenze 2010_2011” – TEA Press 2009; “Le Tendenze Culturali 2009-2010” - TEA Press 2008; "Tendenze 2003: la società italiana dopo l'11 settembre" Ed. Il Sole 24Ore 2003; "Il grande affresco" pubblicato nel saggio "La fine della meraviglia" a cura di Stefano Gnasso, Gian Paolo Parenti - Ed. Riuniti 2004.