Mutuo, tutti abbassano la rata con queste due vie ma solo una conviene: attenzione

Abbassare la rata del mutuo è possibile grazie a due strategie che tutti stanno mettendo in atto in questo periodo di rincari.

I tassi alle stelle e i prezzi generalizzati in aumento hanno spinto molti cittadini con un mutuo attivo ad optare per opzioni specifiche che consentissero loro di andare a modificare la rata e quindi sanare, per quanto possibile, i costi aggiuntivi che in questi mesi sono diventati sempre più impegnativi.

Soprattutto chi si è trovato nella condizione di dover pagare la maggiorazione del tasso in crescita ha pensato immediatamente al passaggio a quello fisso per poter bloccare la rata. Ci sono però diverse opzioni possibili su cui si può andare a intervenire e quindi abbassare subito la rata.

Come abbassare la rata del mutuo con queste due opzioni

Le vie principali per procedere in questo senso sono due, ovviamente le possibilità molteplici, ma sicuramente queste sono quelle essenziali e più valide per un cambiamento immediato. Va detto però che soprattutto coloro che hanno un mutuo da tanto tempo o che sono in prossimità di chiuderlo, dovrebbero pensare bene a cosa fare perché i cambiamenti e le modifiche hanno senso sicuramente per un gruppo di utenti ma non per tutti, ognuno deve studiare la propria posizione perché le stime al proposito sono chiare.

Mutuo abbassano rata
Come abbassare la rata del mutuo (designmag.it)

Nonostante il rialzo dei tassi e quanto accaduto negli ultimi mesi, i dati attestano sul lungo periodo comunque un risparmio netto per coloro che hanno scelto un mutuo a tasso variabile a dispetto di quello fisso. Quindi un concetto diverso da quello che si potrebbe immaginare, questo perché, semplicemente, va considerato l’intero periodo del mutuo e non uno o due anni. 

Tutti puntano alla surroga, sicuramente è questa la scelta principale oggi. Permette di andare a ridurre la rata del mutuo semplicemente sottoscrivendo con una banca nuova una procedura ex novo. Questo permette di ottenere dalla Banca numero 2 un prestito finanziario per saldare la Banca numero 1 e iniziare a pagare un tasso nuovo e differente. Conviene, considerando però che quando si effettua tale richiesta, poiché di fatto si va a fare tutto dal principio, bisogna non solo pagare ogni cosa di nuovo ma anche aspettarsi condizioni diverse a seconda del periodo.

Meno gettonata eppure molto valida è la rinegoziazione del mutuo che di fatto consente di non cambiare banca e quindi di svolgere l’iter con quella propria e andare così ad abbassare la rata senza però dover intraprendere un lungo percorso e soprattutto senza pagare niente ma andando a rivalutare le proprie condizioni economiche. Quindi appare chiaro che anche se tutti scelgono la strada della surroga in realtà non è sempre l’opzione migliore.

Impostazioni privacy