Gli elettrodomestici a cui staccare la spina per risparmiare sulle bollette

Avere più consapevolezza dei consumi aiuta a risparmiare. E conoscere quali sono gli elettrodomestici a cui staccare la spina per risparmiare sulle bollette è utile.

parete con prese e spina attaccata

Foto Shutterstock | Luca9257

Per risparmiare energia elettrica e quindi pagare meno nelle bollette basta solo staccare la spina. Questo è vero, ma in parte. Effettivamente ci sono degli elettrodomestici ricondizionati, e non, a cui serve staccare la spina per risparmiare, mentre per altri si può anche evitare di usare tale accorgimento. Ne volete sapere di più? Continuate a leggere.

Le tariffe dell’energia subiscono oscillazioni e quando si alzano tutti corrono a cercare delle possibili soluzioni per consumare meno e risparmiare sulla bolletta. Effettivamente alcuni trucchi potrebbero essere utili per ridurre i consumi. Come usare queste lampade led.

Gli elettrodomestici in stand by continuano a consumare energia: meglio staccare la spina

piccoli elettrodomestici colorati su tavolo di legno a cui staccare la spina
Foto Shutterstock | New Africa

Avere più consapevolezza dei consumi aiuta a risparmiare. E conoscere quali sono gli elettrodomestici a cui staccare la spina per risparmiare sulle bollette è utile.

Infatti non tutti sanno che ci sono elettrodomestici a cui è meglio staccare la spina per risparmiare sulle bollette perché restano in stand by e consumano lo stesso nonostante sembrino spenti? Stiamo parlando di:

  • Computer acceso ma in modalità di sospensione;
  • Caricatori che assorbono ancora energia anche se il dispositivo non è più collegato;
  • Lettori multimediali con ricerca aggiornamenti in background attiva;
  • Telefoni cordless che hanno il display sempre attivo;
  • Elettrodomestici smart (frigoriferi, lavatrici, asciugatrici, forni, con display sempre attivi, connettività Internet e controlli elettronici.

Ma anche la televisione e qualsiasi altro elettrodomestico che ha una spia rossa che resta sempre accesa anche se è spento, in qualche maniera consuma energia. Sarà anche poca, ma la consuma.

Infatti, l’alimentazione in stand by, secondo il Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti, rappresenta tra il 5% e il ​​10% del consumo energetico residenziale.

Nel caso in cui nella propria dimora si disponga di un numero elevato di elettrodomestici, il risparmio calcolato in un intero anno, se si staccassero tutte le spine evitando i consumi in stand by, sarebbe di circa 100 euro. Ora che lo sapete potete agire di conseguenza.

Ti è piaciuto questo articolo? Segui DesignMag su Google News per non perdere una tendenza!

avatar autore

Parole di Kati Irrente

Giornalista per passione, scrive per il web dal 2008 spaziando da argomenti di cronaca e attualità alle ultime tendenze in fatto di lifestyle. Addicted del vivere green e della buona cucina, divide il tempo libero tra musica, cinema e fumetti d’autore.