Elettrico, solare con (o senza) serbatoio: si fa presto a dire scaldabagno, come scegliere quello giusto

Come scegliere lo scaldabagno giusto per la casa: risparmia sulla bolletta con questi consigli e queste istruzioni

Lo scaldabagno è un elettrodomestico fondamentale in ogni casa, soprattutto in inverno. Scegliere quello giusto è importante per non sprecare energia e denaro. Ecco come fare.

come scegliere lo scaldabagno
E’ fondamentale la scelta dello scaldabagno/Designmag.it

 

In Italia, l’acqua calda sanitaria rappresenta il 30% circa del consumo energetico di una famiglia media. Per questo motivo, la scelta dello scaldabagno è fondamentale per evitare sprechi eccessivi. Inoltre, bisogna considerare che ogni abitazione ha delle caratteristiche specifiche che influiscono sulle prestazioni dell’elettrodomestico.

Scaldabagno, quali sono i fattori da considerare

Per scegliere lo scaldabagno più adatto alle proprie esigenze bisogna tenere conto di diversi fattori: il numero dei componenti della famiglia, le abitudini di utilizzo dell’acqua calda (per esempio se si preferisce la doccia alla vasca da bagno), la presenza o meno del gas metano nell’abitazione (nel caso in cui non ci sia bisognerà optare per uno scaldabagno elettrico) e infine l’esposizione dell’abitazione rispetto al sole (nel caso si voglia installare uno scaldabagno solare).

Quali sono le tipologie di Scaldacqua sul Mercato

Scopriamo insieme quali sono i vari tipi di scaldabagni presenti sul mercato e come scegliere quello più adatto alle nostre esigenze.

quale scaldabagno scegliere per risparmiare
Lo scaldabagno giusto ti fa risparmiare tanti soldi/Designmag.it

 

Caratteristiche Principali dei Diversi Modelli

Scaldacqua a serbatoio: il modello più diffuso nelle case italiane ed è disponibile sia a gas che elettrico. Si tratta di un sistema tradizionale composto da una caldaia che riscalda l’acqua contenuta all’interno del serbatoio isolato termicamente;
Scaldacqua senza serbatoio: un modello molto compatto ideale per chi ha poco spazio in casa. A differenza dello precedente funziona solo con l’elettricità;
Scaldacqua solare: sfrutta l’energia proveniente dal sole tramite dei pannelli fotovoltaici posti sul tetto dell’abitazione;
Scaldi acqua ibridi: composti da due sistemi integrati tra loro: uno tradizionale (gas o elettrico) ed uno pompa di calore;
Scaldi acqua a pompa di calore: sfruttano il calore presente nell’aria esterna all’edificio trasformandolo in energia termica grazie ad un compressore alimentato da corrente elettrica.

Una volta individuati i modelli possiamo procedere alla valutazione economica tenendo conto del prezzo d’installazione (che varia a seconda della struttura dell’impianto idraulico), del prezzo d’acquisto dello stesso boiler oltre ai costi d’esercizio legati al consumo energetico necessario al riscaldamento dell’acqua.

Accorgimenti Utilissimi per Ridurre i Consumi Energetici

Infine ricordiamo alcuni accorgimenti utilissimi per ridurre i consumi energetici dello scalda acqua:

Isolare le tubature
– Utilizzare riduttori e pressione
– Installare rubinetterie termostatiche
– Utilizzare miscelatori monocomando
Isolare termicamente lo scalda-acqua

Impostazioni privacy