Cessione del credito 2023: le nuove regole ufficiali

Ecco una guida utile e chiara per sapere come funziona la cessione del credito 2023, con le ultime novità e le regole ufficiali che sono state introdotte dal decreto Aiuti quater: vediamo le nuove regole.

cessione del credito

Foto Shutterstock | Burdun Iliya

Vediamo quali sono le regole per la cessione del credito 2023 per quanto riguarda i bonus casa, cioè i bonus edilizi, secondo il testo del decreto Aiuti quater, approvato lo scorso 12 gennaio. Questo strumento consente di monetizzare le detrazioni fiscali legate ai lavori di ristrutturazione della casa, e si affianca allo sconto in fattura.

Come funziona la cessione del credito 2023

Come sappiamo, il contribuente che decide di eseguire dei lavori per l’efficientamento energetico della casa può usufruire della detrazione fiscale sulla dichiarazione dei redditi. Questo consente di pagare meno tasse. Oppure può godere dello sconto in fattura, deciso insieme alla ditta che esegue i lavori. Infine può cedere il beneficio fiscale maturato a un terzo soggetto.

bonus casa
Foto Shutterstock | RaffMaster

Quindi, la cessione del credito consente di ottenere subito i soldi necessari ai lavori o per godere di un mutuo. Per evitare le frodi, sono state introdotte delle regole più stringenti. Le cessioni possibili sono diventate 5:

  • Verso privati, familiari, soggetti terzi estranei ai lavori.
  • Alle banche, intermediari finanziari, società iscritte negli albi della Banca d’Italia oppure altri soggetti qualificati, come imprese di assicurazione autorizzate a operare in Italia. Queste cessioni possono essere al massimo 3.
  • Alle banche in favore di soggetti diversi dagli utenti, che hanno stipulato un contratto di conto corrente con la banca.

Le banche possono cedere il credito ai propri correntisti, sia nel caso di imprese, sia nel caso di professionisti. Oltre alle banche possono cedere il credito anche le Sgm (Società di gestione multipla) e le Sim (Società di intermediazione Mobiliare). Oltre alle Sicav (Società di Investimento a Capitale Variabile) e alle Sicaf (Società di investimento a Capitale Fisso).

Il credito è tracciabile tramite un codice identificativo dall’Agenzia delle entrate.

Occorre sempre dare comunicazione all’Agenzia delle Entrate dell’opzione scelta per sfruttare il bonus edilizio, sia per la cessione del credito che per lo sconto in fattura.

La comunicazione va fatta online nell’area riservata sul sito dell’Agenzia delle Entrate, entro il 16 marzo dell’anno successivo a quello in cui sono state sostenute le spese.

La novità è che le banche non hanno l’obbligo di verificare che la comunicazione della prima cessione o dello sconto in fattura è stata fatta dopo il 1° maggio 2022.

avatar autore

Parole di Kati Irrente

Giornalista per passione, scrive per il web dal 2008 spaziando da argomenti di cronaca e attualità alle ultime tendenze in fatto di lifestyle. Addicted del vivere green e della buona cucina, divide il tempo libero tra musica, cinema e fumetti d’autore.