Verner Panton: opere del designer in mostra

ll designer danese Verner Panton è sicuramente fra i progettisti più originali e anticonvenzionali del XX secolo, le sue opere sono ancora oggi una importante fonte di ispirazione

da , il

    ll designer danese Verner Panton, sarà protagonista di una mostra milanese che si terrà dal 15 al 25 Settembre. Panton è sicuramente fra i progettisti più originali e anticonvenzionali del XX secolo, tanto che le sue opere sono ancora oggi una importante fonte di ispirazione. Alla fine degli anni ’60 presentò quella che probabilmente è la sua opera più famosa, la “Panton Chair”, che quest’anno compie 50 anni, la prima sedia realizzata interamente con un unico foglio di plastica.

    L’artista nacque a Copenhagen nel 1926 e fin dall’infanzia coltivò il sogno di diventare un pittore, ma col tempo i suoi interessi si orientarono verso l’architettura e decise di prendere il suo furgoncino Volkswagen e partire. Attraversò tutta l’Europa per costruire la propria cultura del design internazionale e conoscere i maggiori esponenti del settore dell’epoca. In Svezia si fece immediatamente notare per il suo design eccentrico e fortemente innovativo.

    L’originalità dell’opera portò tuttavia molti a considerarla vera e propria follia, ma Verner, insensibile alle critiche negative, si impegnò sempre di più per dimostrare al mondo che era possibile creare oggetti allo stesso tempo innovativi e funzionali.

    Partecipò a molte fiere tra il ’68 ed il ’70 quali “Visiona 0” e “Visiona 2”, dove presentò il progetto “fantasy landscape” ed istallazioni psichedeliche di paesaggi spaziali. Panton concesse i diritti di produzione a molte importanti aziende del settore quali Herman Miller ed Ikea. Morì nel 1998 a Basilea.

    I suoi leggendari progetti verranno esposti a Milano dal 15 al 25 Settembre in una mostra a lui dedicata, dove
sarà presentato anche un progetto realizzato dagli alunni della International School of Monza, consistente in 20 “Panton chair” reinterpretate nel segno dell’ecosostenibilità.