Un annaffiatoio che si comporta come una Diva da Alessi by Eero Aarnio

Un nuovo annaffiatoio in resina termoplastica, bianco, nero o verde, arricchisce la famiglia degli oggetti del marchio italiano Alessi, nella collezione 2011

da , il

    Un nuovo annaffiatoio in resina termoplastica, bianco, nero o verde, arricchisce la famiglia degli oggetti del marchio italiano Alessi, nella collezione 2011. Si tratta dell’Annaffiatoio che si comporta da “Diva”, che porta la firma di Eero Aarnio: ha una forma a virgola che rappresenta uno slancio verso l’alto del becco di uscita dell’acqua, quasi ad esprimere un’idea di movimento anche quando l’oggetto non viene usato. “Credo che i progetti di casalinghi o utensili domestici in genere dovrebbero soprattutto essere funzionali, accattivanti per l’occhio e per il tatto e in grado di fare sorridere chi li possiede. Questo è il vero valore aggiunto, anzi certe volte è la ragione bastante per comprare un oggetto anziché un altro” dice il designer Eero Aarnio a proposito del suo progetto.

    Altra novità 2011 è l’ apribottiglie “Mouse”, in acciaio inossidabile 18/10 e resina termoplastica, verde. Da oltre mezzo secoloarricchisce la famiglia degli oggetti del marchio italiano Alessi, nella collezione 2011. Si tratta dell’Annaffiatoio che si comporta da “Diva”, che porta la firma di Eero Aarnio”> il designer finlandese Aarnio progetta con grande coerenza oggetti per la casa dalle forme geometriche, arrotondate, dai colori vivaci che alludono al “codice bambino”. I suoi oggetti, quasi tutti realizzati in materiale plastico, sono dei piccoli racconti visivi che uniscono tratti ironici e giocosi a precisi ed espliciti significati funzionali e d’uso.

    Questo autore mi interessa perché lo vedo come una specie di anziano bambino sempre attento a cogliere gli aspetti giocosi e paradossali del mondo del design. Una sorta di “ludico scandinavo” insomma, molto lontano dalla austera professionalità prevalente nel design del Nord Europa. Quelli che presentiamo ora sono i primi progetti di una famiglia destinata ad allargarsi” dice Alberto Alessi a proposito del designer venuto dal nord.