Utilizzare il rosso nell’arredamento di casa può essere insidioso: con le dritte degli esperti, avrai un risultato chic e stiloso

Colore intenso, colore della passione e della personalità. Ecco come utilizzare intelligentemente il rosso nelle nostre abitazioni

Serve personalità per il rosso. Serve personalità per indossarlo nell’abbigliamento, ma serve personalità anche per abbigliare la nostra casa con un colore così acceso, così intenso. Solo i più coraggiosi sono in grado di farlo bene. Ma solo i più informati sono in grado di combinarlo al meglio. Ecco qualche consiglio che vi tornerà sicuramente utile per il vostro arredamento.

Il rischio è quello di creare un’atmosfera troppo “carica”, troppo pesante. Una intera parete di colore rosso potrebbe addirittura scatenare la fotosensibilità per alcuni. Il consiglio che danno gli esperti è quello di non esagerare. Si può magari pensare a un angolo di colore rosso in casa. Oppure combinare questo colore della passione con altre tinte un po’ più delicate, in modo tale da creare il giusto contrasto.

Come utilizzare il rosso in casa: tutti i segreti

Esistono diversi tipi di rosso: dal rosso cremisi, ideale per creare ambienti caldi, al rosso brillante, che rende tutto più moderno, passando per il rosso granata, che sostanzialmente è una sfumatura di bordeaux, e il rosso terracotta, molto raffinato, elegante e sobrio.

Rosso in casa: come utilizzarlo
Il colore rosso in casa: una scelta di personalità – (designmag.it)

Seguendo la regola del 60-30-10, il rosso è spesso utilizzato come colore secondario o d’accento. L’ideale potrebbe essere, come accennavamo, quello di abbinarlo ad altri colori. Per esempio il bianco: una scelta sicura che permette al rosso di risaltare senza essere opprimente. Oppure al grigio: crea un equilibrio visivo tradizionale, ad esempio, un divano rosso in una stanza con pareti grigie. O magari al beige: offre armonia senza risultare eccessivamente freddo.

Ma in quali stanze utilizzare maggiormente il colore rosso? Sicuramente in cucina può essere utile perché il rosso è un colore che stimola anche l’appetito. Le sedie o il tavolo di colore rosso possono favorire la convivialità. Nello studio, il rosso può favorire la creatività. Magari si potrebbe creare una parete di colore rosso alle spalle rispetto a dove ci si siede per il proprio lavoro, in modo tale da non avere sempre questo colore così intenso davanti agli occhi.

In camera da letto, invece, il rosso andrebbe usato con molta parsimonia, perché potrebbe essere un colore che non favorisce il riposo. Quindi, sconsigliato per le pareti. Al massimo qualche dettaglio, come lenzuola o federe dei cuscini. Anche se in questo caso è un attimo scivolare nel kitsch.

Impostazioni privacy