Prima di prendere una casa in affitto devi fare questi 8 controlli o rischi grosso

Non si dovrebbe sottovalutare l’importanza dei controlli iniziali prima dell’affitto di una casa: un’attenta valutazione può risparmiarti molti problemi in futuro.

Affittare una casa può sembrare un processo semplice, ma ci sono molte insidie nascoste che possono trasformare la tua esperienza in un incubo. Prima di firmare qualsiasi contratto, è fondamentale effettuare una serie di verifiche per evitare spiacevoli sorprese. Si tratta di controlli semplici, nulla di particolarmente complesso, ma che aiutano a trovare l’appartamento ideale e garantiscono una permanenza serena nella nuova casa.

Spesso, presi dalla fretta o dall’entusiasmo, si tende a trascurare dettagli importanti che possono influire significativamente sulla qualità della vita in una nuova casa. La redazione del portale web di Generali, leader nel settore assicurativo, ha da poco pubblicato una lista di otto controlli essenziali che ogni inquilino dovrebbe fare prima di prendere una decisione definitiva. Seguendo questi passaggi, ci si protegge da potenziali problemi e ci si assicura che l’abitazione scelta risponda pienamente alle tue esigenze.

Controlli fondamentali che ogni inquilino dovrebbe effettuare prima di affittare una casa

La prima cosa da fare è visitare l’appartamento di persona per assicurarsi che corrisponda alle proprie aspettative e alle fotografie dell’annuncio. Controlla la presenza di servizi essenziali come fermate di trasporto pubblico, supermercati, farmacie e ristoranti nelle vicinanze. Valuta anche il livello di rumorosità della zona, verificando se ci sono locali notturni o altre fonti di disturbo.

controlli da fare prima di affittare una casa
Leggere attentamente il contratto e chiarire eventuali clausole poco chiare prima di firmarlo – designmag.it

È altrettanto importante assicurarsi che tutti gli impianti dell’abitazione funzionino correttamente. Controlla condizionatori, termosifoni, rubinetti, tapparelle ed elettrodomestici come forno, lavatrice e lavastoviglie. Se non puoi verificare personalmente, chiedi conferme dettagliate al proprietario.

Durante la trattativa, bisogna chiedere chiaramente qual è l‘importo dell’affitto mensile, l’ammontare del deposito cauzionale e quali spese sono a tuo carico. Verifica se le spese condominiali, acqua, luce e gas sono incluse nell’affitto o se devono essere pagate separatamente. Questo ti aiuterà a evitare malintesi futuri.

È consigliabile inoltre chiedere al proprietario di includere nel contratto una lista dettagliata dei mobili e degli oggetti presenti nell’appartamento, insieme alle loro condizioni. Questo eviterà dispute future riguardo eventuali danni o mancanze al momento di lasciare la casa. Prima di firmare il contratto, ovviamente, è necessario leggere ogni sua parte con attenzione. Controlla che tutte le condizioni concordate, come l’affitto mensile, la durata del contratto e il deposito cauzionale, siano correttamente riportate. Chiedi chiarimenti su qualsiasi clausola poco chiara.

Quando si firma il contratto, molti esperti consigliano di apporre la firma su ogni pagina per evitare che vengano aggiunte informazioni non autorizzate. Dopo la firma, si dovrebbe anche richiedere una copia del contratto da conservare per riferimento futuro. Per quanto riguarda il pagamento dell’affitto, è preferibile utilizzare metodi di pagamento tracciabili come assegno o bonifico e richiedere sempre una ricevuta per dimostrare la regolarità nei pagamenti.

Infine, sempre più persone considerano la possibilità di sottoscrivere un’assicurazione per la casa che copra eventuali danni all’immobile e danni accidentali verso terzi. Questo ti proteggerà da spese impreviste e responsabilità legali.

Impostazioni privacy