Open House Milano 2018, un fine settimana alla scoperta dell’architettura meneghina

Nel fine settimana del 5 e 6 maggio torna uno degli appuntamenti imperdibili per la primavera: Open House Milano. L'iniziativa, che torna per la terza edizione, vi accompagnerà alla scoperta dei migliori edifici della città. Oltre 100 palazzi dove riscoprire la grande architettura meneghina.

da , il

    Open House Milano 2018, un fine settimana alla scoperta dell’architettura meneghina

    Torna, anche per il 2018, l’appuntamento dedicato alla scoperta delle strutture architettoniche più belle della città meneghina: Open House Milano. Sabato 5 e domenica 6 maggio, infatti, sarà possibile visitare numerosi edifici pubblici e privati dal notevole valore architettonico. Un vero e proprio patrimonio da scoprire grazie al supporto delle guide specializzate e volontarie che si mettono a disposizione per questo evento gratuito e aperto a tutti.

    Anche per questa terza edizione saranno tantissimi gli edifici, noti o meno, da riscoprire insieme ai progettisti stessi, studenti delle facoltà milanesi e cultori d’architettura. Il programma 2018 di Open House Milano mette a disposizione oltre 100 tra palazzi, studi, chiese da visitare e fabbriche recuperate.

    Casa Rossi

    In corso Magenta si trova uno dei palazzi più instagrammati di Milano: Casa Rossi di Pietro Pestagalli. Grazie a Open House Milano, infatti, sarà possibile visitare questo esempio di architettura risorgimentale. Da non perdere lo spettacolare cortile ottagonale: una finestre magica sul cielo meneghino.

    Nel palazzo, inoltre, risiede il B&B Secondo Pensiero una location studiata nei minimi dettagli dove si mescolano opere d’arte e mobili moderni.

    Dove: Corso Magenta, 12

    Quando: Sabato 11.00-16.30 | Domenica 11.00-16.30

    Casa Museo Boschi Di Stefano

    Un appartamento progettato nel 193 da Piero Portaluppi, già progettista di Villa Necchi Campiglio. L’appartamento dei coniugi Boschi Di Stefano nacque proprio come casa museo: qui si può vedere la collezione della famiglia fatta di importanti opere come quelli di Boccioni, Carrà, De Chirico, Sironi e Fontana. Un vero e proprio tuffo nel passato.

    Dove: Via Giorgio Jan, 15

    Quando: Sabato 10.00 – 17.30 | Domenica 10.00 – 17.30

    Chiesa di S. Nicolao della Flue

    A great discovery #milan #interior #architecture

    A post shared by Gabriele Verratti (@gabrieleverratti) on

    Una delle più importanti strutture religiose contemporanee, la chiesa di S. Nicolao della Flue vi stupirà grazie alla sua forma di carena di nave rovesciata. Il progetto di Ignazio Gardella del 1970, vede una struttura interna dominata da colori materici a contrasto con gli arredi liturgici a opera di Vincenzo Gasperetti, Lello Scorzelli, Costantino Ruggeri, Pino Grioni.

    Dove: Via Dalmazia 11

    Quando: Sabato 10.00 – 14.00 | Domenica 14.00 – 17.30

    Dimore Gallery

    Se siete alla ricerca di un viaggio tra colori, preziosi ed emozioni, non dovete perdere l’appuntamento con Dimore Gallery. Lo studio, già protagonista del Fuorisalone 2018, conduce un dialogo fra presente e passa, fra arte e design. Ogni stanza susciterà una nuova emozione portandovi per mano in un vero viaggio emozionale.

    Dove: Via Solferino 11

    Quando: Sabato 10.00 – 18.30 | Domenica 14.00 – 18.30

    Grattacielo Pirelli

    inside

    A post shared by federica (@federicanontuamica) on

    Un delle icone della città di Milano che svetta sulla città dal 1961 grazie al progetto firmato dall’architetto Gio Ponti. Forme chiare, delineate che nascondono un sistema strutturale complesso, progettato da Pierluigi Nervi: pochi elementi strutturali poggiati sulla base destinata a ospitare auditorium e servizi. Uno dei massimo esempi del modernismo italiano che si conclude con lo spettacolare belvedere Jannacci al 31esimo piano con una vista sulla città.

    Dove: Via F. Filzi 22

    Quando: Domenica 10.00 – 16.30

    I° Quartiere Umanitaria Solari

    Clean slate #mytinyatlas

    A post shared by irene (@irenedal) on

    Per chi vuole scoprire l’edilizia popolare, il I° Quartiere Umanitaria Solari progettato da G. Broglio nel 1905 è la location da non perdere per Open House Milano. Un progetto che prevedeva la presenza di servizi collettivi e il coinvolgimento degli abitanti stessi nella gestione, proprio come nel moderno concetto di cohousing che sta conquistando la città meneghina. La stessa Società Umanitaria, inoltre, si propose come supporto alle famiglie e agli individui più fragili dell’intero quartiere.

    Qui, sabato 5 maggio, sarà possibile effettuare due visite guidate non il comitato del Quartiere Umanitaria Solari alle ore 10 e 11.30.

    Dove: Via Solari 40

    Quando: Sabato 10.00-13.00

    LUNA

    L U N A • #milanodesignweek #fuorisalone #venturalambrate

    A post shared by Gaia Magenis (@gaiamagenis) on

    Lambrate e zona Ventura stanno ritornando a splendere grazie al recupero da parte di un team di progettisti, che hanno trasformato l’ex area industriale in spazi creativi e gallerie d’arte. All’angolo tra via Massimiano e via Ventura è possibile trovare UNDAI, un palazzo che è diventato il simbolo dell’intero quartiere e riconoscibile grazie alla scritta LUNA presente sulla facciata dell’edificio. La visita organizzata da Open House Milano condurrà attraverso il cortile alla scala interna, alla galleria sul fondo del cortile e al volume aggiunto.

    Dove:Via Ventura 6

    Quando: Sabato 10.40 – 13.30 | Domenica 10.40 – 13.30

    Palazzo Galloni – Centro dell’Incisione

    #milano #palazzogalloni #centrodellincisione

    A post shared by Francesco Falciola Fotografo (@francescofalciolafotografo) on

    All’interno di Palazzo Galloni, già residenza di un’agiata famiglia borghese del ’600, c’è un’intesa attività creativa del ‘Centro dell’Incisione’, fondato nel 1975 da Gigi Pedroli, da Gabriella Casarico. Qui, antichi attrezzi, sono a disposizione della scuola per imparare il mestiere sono disposti in numerose piccole stanze sparte per il piano terra dell’edificio.

    Dove: Alzaia Naviglio Grande 66

    Quando: Sabato 15.00 – 18.30

    Torre Arcobaleno

    Tra la Stazione di Porta Garibaldi e il quartiere Isola è impossibile rimanere impassibili davanti alla torre arcobaleno che svetta sulla skyline cittadino. La struttura, di proprietà di RFI Ferrovie Italiane, è stata per anni un serbatoio idrico in grigio cemento abbandonato per anni. In occasione di Italia ’90, un intervento di riqualificazione l’ha trasformata nell’odierna torre coloratissima; nel 2015 inoltre subì un nuovo restyling in occasione dell’Expo.

    Dove: Via Giuseppe Ferrari 18

    Quando: Sabato 14.00-17.30

    Chiesa di S. Maria Annunciata in Chiesa Rossa

    A post shared by Francesca Bonne (@francesca_bonne) on

    Nella periferia di Milano è possibile trovare una chicca architettonica che è resa ancora più speciale da un’installazione moderna. Per Open House Milano 2018 non è da perdere la Chiesa di S. Maria Annunciata in Chiesa Rossa. L’edificio, che si presenta spoglio e senza fronzoli, è stata arricchito dall’artista americano Dan Flavin nel 1996: una luce verde, blu, rosa, dorata e ultravioletta crea una suggestiva progressione naturale in un effetto notte-alba-giorno.

    Dove: Via Montegani 37, angolo via Neera 24

    Quando:Sabato 10.00-17.15