Nuovi Bonus casa 2024, sono davvero convenienti: averli è facile, cifre importanti

bonus casa attivi nel 2024

Anche per il 2024 ci sono ben 5 bonus casa da sfruttare - Designmag.it

Non solo superbonus: anche nel 2024 potremo sfruttare numerosi bonus casa per apportare migliorie, sia con piccoli che grandi interventi.

Ristrutturare non significa per forza effettuare lavori importanti e per aumentare il comfort e il valore delle nostre case possiamo effettuare tante opere, migliorando efficienza energetica ma anche estetica, e non mancano incentivi per gli spazi esterni.

Tutti i bonus attivi nel 2024 rappresentano un vantaggio da non sottovalutare, perché come sappiamo nei prossimi anni tutti gli edifici dovranno rispettare i rigorosi standard di sostenibilità decisi dell’UE. Per non ritrovarsi a spendere cifre folli all’ultimo minuto, dunque, possiamo cominciare con qualche lavoro già a partire dal prossimo e vicinissimo anno.

Bonus casa, ecco tutti quelli attivi, ce ne sono per tutti i gusti e per tutte le tasche

Abbiamo detto che per ristrutturazione non si intende solamente l’avvio di lavori imponenti. Infatti alcuni bonus sono accessibili anche per interventi di ordinaria amministrazione.

bonus casa per impianto allarme

Col bonus sicurezza si risparmia nell’installazione di un impianto di allarme (Designmag.it)

Il “bonus ristrutturazione” è  uno di questi, ed è molto vantaggioso. Infatti consente di ottenere la detrazione sull’IRPEF del 50% dell’ammontar delle spese sostenute, con un tetto massimo di 96 mila euro. Il denaro può essere speso per rifare il tetto, oppure ad esempio, per ampliare le stanze all’interno dell’edificio, oppure per installare un allarme, o ancora per aggiornare gli impianti elettrici.

Proprio riguardo ai sistemi di sicurezza c’è un altro bonus, che prevede dei vantaggi per chi installa telecamere di videosorveglianza, allarmi, porte blindate (ma anche antincendio) e simili. Si tratta di una detrazione del 50% sulle spese effettuate, con un tetto massimo di 96 mila euro.

Oltre all’edificio si possono migliorare anche gli spazi esterni come i terrazzi e i giardini, e ottenere dei benefit grazie al “bonus verde”. Anche in questo caso si ottiene una detrazione sull’IRPEF del 30% sulla spesa sostenuta, con un tetto massimo di investimenti di 5 mila euro. Si possono abbattere alberi pericolanti, oppure rendere il giardino più sostenibile e vivibile, grazie alla scelta di determinate piante e arredi.

Resta attivo anche per il 2024 il “bonus mobili”, anche se il benefit è diminuito, passando a un limite di spesa di 5 mila euro. La detrazione è del 50% e si può ottenere per l’acquisto di elettrodomestici da installare in un immobile che è stato oggetto di ristrutturazione. Ristrutturazione che, come detto prima, non deve essere stata necessariamente importante.

Infine c’è anche il “bonus barriere architettoniche”, che è fruibile per chi desidera rimuoverle. Fino al 2025 si può ottenere una detrazione del 75%, ed è valida sia per le abitazioni singole che per i condomini. Com’è intuibile, si può accedere a questo bonus se si installano ascensori e/o rampe di accesso, ma anche accessori per i bagni, come i maniglioni, e tutte quelle strutture che agevolano l’utilizzo delle aree abitative e pertinenti.

avatar autore

Parole di Stefania Guerra