Non fare mai il letto subito dopo esserti svegliato: l'errore che ti può costare caro

non rifare il letto al risveglio

perché è meglio non rifare il letto al risveglio Designmag.it

Rifare il letto subito dopo il risveglio può essere rischioso per la salute. Scopri perché e come agire per il meglio.

Tra le raccomandazioni imposte da mamme e nonne c’è sicuramente quella di rifare il letto al mattino. Una sorta di regola implicita per non vivere nel disordine e per non rimandare questo momento indubbiamente noioso per tutto il giorno.

Dopotutto, un letto ancora sfatto dona sempre un senso di negligenza che nessuno vorrebbe mai mostrare ad eventuali ospiti. Eppure, esiste una verità scientifica che imporrebbe di non seguire (almeno in questo caso) questa vecchia regola. Sembra, infatti, che rifare il letto immediatamente dopo il risveglio sia del tutto sbagliato e a tratti persino pericoloso per la salute.

Perché non dovresti rifare il letto subito dopo il risveglio

Come probabilmente saprai, il letto è uno dei luoghi in cui tendono ad accumularsi gli acari a cui sempre più persone risultano allergiche. A tal proposito, sempre più studi sembrano bocciare l’idea di rifare il letto dopo il risveglio. Il motivo è dato dal calore che ancora emana e dall’umidità raggiunta durante la notte. In queste condizioni, infatti, gli acari tendono a proliferare e rifacendo il letto non si fa che rendergli il lavoro più semplice. A contrario, rifacendo il letto almeno mezz’ora dopo (meglio far passare anche un’ora) può fare la differenza. Il letto avrà modo di prendere aria e il sole che entra dall’esterno scalderà lenzuola e coperte sconfiggendo alcuni acari e impedendo loro di proliferare.

non rifare il letto al risveglio

perché è meglio non rifare il letto al risveglio Designmag.it

Ovviamente, rifare il letto più tardi non significa venir meno a quelle che sono le norme igieniche necessarie per un letto sempre in ordine. E a riguardo ci sono diversi suggerimenti su come agire. Dal cambiare lenzuola e coperte almeno ogni due settimane (per le federe è meglio agire più spesso), al lavarle sempre sopra i 60 gradi per eliminare gli acari, fino al far uso (soprattutto in caso di allergia) di federe o copri cuscini anti acari, aspirando sempre al meglio la camera da letto per evitare che la polvere si accumuli nel tempo.

Avendo cura del proprio letto e della sua pulizia e preoccupandosi sempre di pensare alla camera da letto (come al resto della casa) si renderà la vita degli acari molto più difficile e non si correranno inutili rischi. La loro presenza può infatti rendere la respirazione più difficile, portare a gonfiore e stanchezza e far sviluppare l’allergia che non è affatto simpatica da avere. Motivi in più per aver cura del proprio letto disobbedendo ad una delle regole base per una casa in ordine. E tutto per una salute migliore.

avatar autore

Parole di Danila Franzone