Mutui 2024: non devi più pagare la banca con la prescrizione “salvezza famiglie”

Con la prescrizione, pagare la rata del mutuo non sarà più un problema per le famiglie, nonostante i costi maggiori degli ultimi anni.

Il mutuo è diventato per molti un vero e proprio tarlo. I prezzi alle stelle causati dai tassi variabili sono stati una stangata inaspettata e importante che ha gravato sulla testa di tantissime persone. Ci sono però varie opzioni di salvezza, dai bonus ai benefici allo stop alla rata.

Ovviamente è doveroso capire cosa rientra in quello offerti dallo Stato, quanto è previsto da banca e assicurazioni ma anche quali strategie si possono applicare studiando bene la propria posizione e capendo effettivamente cosa si può sfruttare nello specifico. Molto cambia a seconda del reddito, della durata del mutuo, dalle tempistiche quindi non c’è una verità assoluta per tutti.

Mutui 2024: come non pagare con la prescrizione

Le rate del mutuo sono obbligatorie, ovviamente ci sono condizioni che permettono di sospendere, saltare la rata o di farla coprire dall’assicurazione laddove ci siano condizioni specifiche come la perdita del lavoro. Bisogna però utilizzare uno strumento adeguato altrimenti si risulta semplicemente inadempienti.

mutui 2024 prescrizione mutui
Prescrizione del mutuo, quando scatta (designmag.it)

Per color che hanno delle rate non saldate è utile sapere che non sempre queste vanno corrisposte perché dopo un periodo di tempo scatta la prescrizione del mutuo e quindi pagare non è obbligatorio. In base alla legge la prescrizione ordinaria per questo tipo di pendenza si applica a 10 anni, questo vuol dire che dopo questo periodo di tempo non è più possibile per la banca avanzare la richiesta.

Chiaramente però sono le modalità che vanno chiarite. Non bisogna non pagare il mutuo a prescindere sperando poi di non doverlo fare e quindi di essere agevolati, si tratta di un contratto e va rispettato. Questa è la condizione di chi si è trovato nell’impossibilità di saldare quanto dovuto e ha dei debiti verso la banca.

La prescrizione prevede una tempista dopo il quale non si può più pretendere nulla dal debitore ma vale solo a patto che nell’arco del tempo indicato l’ente creditore non abbia fatto alcuna comunicazione per poter ottenere quei soldi. Quindi solo se non c’è stata richiesta scatta la prescrizione ed è valida a norma di legge.

Va anche ricordato che basta il mancato pagamento di una sola rata per dare alla banca la possibilità di pretendere l’intera somma. Quindi, prima di intraprendere strade di questo tipo senza sapere quali sono le conseguenze, è utile informarsi.

Impostazioni privacy