L’amministratore di condominio può farti una multa fino ad 800 euro se non sei in regola, come difendersi

Conoscere le normative e i propri diritti può aiutare a prevenire e gestire eventuali conflitti, mantenendo un ambiente sereno e rispettoso.

L’amministrazione condominiale è un aspetto cruciale nella gestione della vita degli abitati di un condominio. Gli amministratori hanno il compito di mantenere l’ordine e garantire il rispetto delle regole comuni, un ruolo che può portare a situazioni di conflitto quando emergono infrazioni al regolamento condominiale. Comprendere i poteri dell’amministratore e sapere come comportarsi in caso di sanzioni è quindi fondamentale per ogni condomino.

Il sistema sanzionatorio condominiale, regolato dall’articolo 70 delle disposizioni attuative del codice civile, prevede alcune misure che possono influenzare significativamente la vita dei residenti. Queste sanzioni sono state in realtà previste con lo scopo principale di prevenire violazioni e a mantenere l’armonia all’interno del condominio, tanto che la loro applicazione può risultare complessa e talvolta controversa. Non si dovrebbe comunque escludere la possibilità di ricevere una multa, in caso di violazioni gravi o ripetute.

Le sanzioni condominiali: cosa dice la legge

Secondo l’articolo 70 delle disposizioni attuative del codice civile, i regolamenti condominiali possono includere norme che impongono sanzioni economiche ai condomini che violano tali regolamenti. Dopo la riforma del 2012, l’importo massimo di queste sanzioni è stato fissato a 200 euro per una singola infrazione e può arrivare fino a 800 euro in caso di recidiva. Le somme raccolte attraverso queste sanzioni devono essere utilizzate per coprire le spese ordinarie del condominio.

multa di 800 euro dal condominio
Conoscere le normative condominiali aiuta a prevenire conflitti e gestire eventuali sanzioni – designag.it

L’applicazione delle sanzioni condominiali presenta diverse problematiche. Innanzitutto, l’assemblea condominiale deve approvare le sanzioni con una delibera adottata con la maggioranza degli intervenuti, che rappresentano almeno la metà del valore dell’edificio. Tuttavia, l’articolo 70 non specifica chi debba fungere da accusatore né quali prove siano necessarie per sostenere la richiesta di sanzione, lasciando queste decisioni alla discrezionalità dell’amministratore e degli altri condomini.

Gli amministratori non possono agire come vigilanti, per cui dovrebbero essere gli altri condomini a segnalare le infrazioni. Tali segnalazioni devono essere supportate da prove adeguate, come fotografie o video, ma il legislatore non chiarisce quali prove siano sufficienti. Questo può rendere complicato l’avvio di un procedimento sanzionatorio e aumentare il rischio di conflitti e contenziosi.

Un altro aspetto critico è la gestione delle recidive. L’articolo 70 non specifica entro quale periodo le violazioni devono avvenire per essere considerate recidive. Questa mancanza di chiarezza può portare a contestazioni e a un uso discrezionale del potere sanzionatorio. È importante che i regolamenti condominiali definiscano chiaramente questi aspetti per evitare abusi e conflitti.

Per difendersi efficacemente contro sanzioni condominiali, è quindi fondamentale essere informati sui propri diritti e sulle procedure da seguire. In caso di contestazione, è possibile impugnare la delibera assembleare che ha imposto la sanzione davanti all’autorità giudiziaria, secondo quanto previsto dall’articolo 1137 del codice civile. È consigliabile raccogliere tutte le prove e documentazioni necessarie per sostenere la propria posizione e, se necessario, rivolgersi a un legale specializzato in diritto condominiale.

Impostazioni privacy