La tua lavatrice puzza? Ti svelo il motivo e anche la soluzione con ingredienti naturali

La tua lavatrice puzza di muffa e anche il tuo bucato? Allora è il momento di fare le pulizie! Anche la lavatrice ha bisogno di manutenzione…

L’accumulo di detersivo in alcuni angoli della lavatrice può formare muffe. Per questo motivo si consiglia vivamente di inserire la giusta dose di detersivo nell’elettrodomestico.

Ad ogni modo sono diversi elementi possono essere responsabili dei cattivi odori: i residui di detersivo mal smaltiti che rimangono sul fondo della macchina e sul cestello; troppi lavaggi a basse temperature (30°) che generano depositi più frequenti di detersivo e calcare; muffe inglobate nelle fughe; il contenitore della biancheria sporca; la porta troppo spesso chiusa; il filtro è intasato.

Come pulire una lavatrice quando puzza

Se hai ancora le istruzioni per il tuo dispositivo, ti consigliamo di consultarle. Alcuni prodotti come i disincrostanti sono da preferire, per evitare la formazione di calcare. Pratico, il decalcificante può essere utilizzato anche per la manutenzione della lavastoviglie!

Igienizzazione della lavatrice
Come pulire una lavatrice quando puzza – Desingmag.it

La decalcificazione garantisce una migliore efficienza di lavaggio e previene anche le perdite. Se lo vedi, puoi svitare il filtro e poi lavarlo con acqua saponata. Altrimenti utilizza le istruzioni del tuo dispositivo per scoprire come procedere. Occupati anche della pulizia del filtro, prima però, occorre far defluire l’acqua che spesso ristagna posizionando una bacinella a terra. Quindi puoi rimuovere completamente il filtro. Pulirlo eliminando eventuali oggetti trattenuti (bottoni, monete, ecc.).

Anche la pulizia del tamburo non va sottovalutata e per farlo ti basteranno acqua tiepida, bicarbonato e aceto. Pulisci l’interno della macchina, disinfettandola ma senza danneggiarla. Occorre ricordare, ogni mese, di eseguire un ciclo a 90° ed, al termine, i cattivi odori saranno normalmente debellati.

Strofina le guarnizioni con bicarbonato di sodio per rimuovere la muffa incrostata. Potete anche pulirli con detersivo per piatti e poi asciugare il tutto con aceto bianco. Poi c’è la pulizia del cassetto del detersivo, per prima cosa versare dell’acqua bollente sullo stampo presente nella vaschetta. Ciò contribuirà ad allentarlo e a facilitarne la pulizia. Pulitelo poi con aceto bianco.

Per favorire i buoni odori dopo ogni pulizia, è possibile utilizzare l’olio essenziale di melaleuca nel cestello. Conosciuto per le sue proprietà antibatteriche, è ideale per debellare i batteri. Per evitare la ricomparsa di cattivi odori, fai fare un giro a vuoto a 90° C alla tua lavatrice, circa ogni 6 mesi. Pulire la macchina ogni 20-30 cicli aiuta a proteggerla il più possibile dal calcare.

Impostazioni privacy