Imu prima e seconda casa: ecco quando non si deve pagare

Scopri le condizioni che esentano dal pagamento dell’Imu per la tua prima e seconda casa. Ci sono diverse situazioni in cui potresti godere di un’agevolazione fiscale.

Quali sono i casi in cui l’Imu è inevitabile e dove invece si può sperare in un respiro finanziario? Esaminiamo insieme le situazioni in cui è possibile eludere il pagamento dell’Imu e chi ha il diritto di essere esentato. Per evitare di sborsare l’Imu, la dimora principale deve essere l’abitazione in cui si risiede.

Questo significa che bisogna avere la residenza anagrafica e domicilio nell’abitazione, occupandola effettivamente ogni giorno. Queste sono le condizioni fondamentali per evitare il pagamento dell’Imu, ma non sono le uniche.

Chi è esonerato dall’Imu?

Affinché l’Imu non sia dovuta, oltre a essere la residenza principale, l‘abitazione non deve essere classificata come di lusso nel catasto, ovvero non può essere una villa, una dimora signorile o persino un castello.   Nel caso di una villa dalle dimensioni contenute, dalle caratteristiche tipiche di una residenza “standard” e classificata nel catasto come categoria A/7, vale quanto detto in precedenza. Tuttavia, se si tratta di una villa con oltre 230 metri quadrati, almeno tre servizi, un ampio giardino, autorimesse, depositi e persino alloggi per il personale, allora sì, bisognerà pagare l’Imu. Questo tipo di abitazione è classificato come categoria A/8 nel catasto.  Lo stesso principio si applica alle dimore signorili e ai castelli, dove l’Imu diventa inevitabile a causa delle loro dimensioni e del loro fascino.

Quando non dovrai pagare l'IMU
IMU 2023: quando sei esentato dal pagamento per la tua prima e seconda casa -designmag.it

Per quanto riguarda le abitazioni di interesse storico o artistico, l’Imu è ridotta del 50%, ma solo se sono state dichiarate di interesse culturale. E se si possiedono terreni edificabili, è possibile essere esenti dall’Imu, purché rispettino determinate condizioni. Ma le esenzioni non si fermano qui: anche i garage possono essere esenti dall’Imu se sono collegati alla propria abitazione principale e appartengono a categorie specifiche. Per coloro che non hanno la residenza in Italia o per le case vacanza non gestite in modo imprenditoriale, c’è una cattiva notizia: l’Imu è inevitabile.

Ma come evitare l’Imu sulla seconda casa? L’Imu è dovuta sulla seconda casa, tranne in un caso: quando si tratta di due coniugi che hanno fissato la residenza in due immobili diversi per ragioni lavorative. In questo caso, entrambi possono beneficiare dell’esonero, a patto che entrambi abbiano residenza e dimora abituale nelle rispettive abitazioni di proprietà.

Nel corso del 2022, è stata abolita l’Imu per le case vacanza gestite in modo commerciale (agriturismi, villaggi turistici, ostelli, rifugi di montagna, colonie marine e montane, affittacamere, B&B, residence e campeggi). Tuttavia, se si possiede una casa vacanza o una “seconda casa” in cui non si risiede abitualmente, è necessario pagare l’Imu. L’unico caso in cui non si paga l’Imu è se la casa è pericolante. Se la casa è inagibile, si paga solo il 50% dell’Imu.

In caso di eredità di una casa, l’Imu deve essere pagata dagli eredi. Se l’Imu è scaduta prima del decesso e della successione, tutti gli eredi devono pagarla, anche se alcuni non hanno ereditato la casa. Se uno degli eredi rifiuta di pagare, il Comune non può rivalersi sugli altri.

 

Impostazioni privacy