Cucina open space, 7 consigli per creare uno spazio perfetto e armonico

7 consigli per la cucina open space

7 consigli per creare una cucina open space armoniosa (DesignMag.it)

Ci sono 7 modi intelligenti per allestire una cucina open space secondo gli interior designer. Ecco le strategie che i professionisti adottano per un risultato perfetto. 

Una cucina open space offre spazi generosi per preparare il cibo, trascorrere del tempo insieme in famiglia e accogliere gli ospiti in modo che il padrone di casa non sia lasciato solo a cucinare. Ma allestire una stanza che funzioni per cucinare, cenare e rilassarsi richiede un design eccellente e capace di soddisfare ogni esigenza. Vediamo nel dettaglio le idee vincenti e gli errori da evitare.

Per una cucina open space ben riuscita le dimensioni non sono tutto. Occorre adottare soluzioni intelligenti per garantire che sia funzionale, sicura e confortevole per ogni attività. Inoltre, bisogna fare in modo di sfruttare al meglio le caratteristiche dello spazio a disposizione. Scopriamo insieme le tattiche consigliate dagli esperti in materia.

Le 7 regole d’oro per la cucina open space

1. Usare una forma a “u”

“Opta per un layout a forma di U con l’estremità aperta che conduce allo spazio abitativo. In questo modo la cucina rimane compatta e allo stesso tempo consente di spostarsi facilmente e di passare da una zona all’altra”, consiglia l’interior designer Artem Kropovinsky.

2. Sfruttare l’isola
“Un’isola può dividere la zona cottura dalla zona pranzo, mantenendo l’effetto complessivo spazioso e arioso”, afferma Jennifer Ebert, redattrice di Homes & Gardens online. “Un’ottima idea è quella di uno spazio per la colazione sul lato dell’isola di fronte al tavolo da pranzo per offrire posti a sedere informali e per tenere le persone sedute a distanza di sicurezza dalla zona cottura”.

3. Bilanciare la zona cottura

Creare una zona di cottura funzionale può essere difficile, soprattutto quando si tratta di fare spazio al frigorifero e al congelatore. L’interior designer Becky Shea, socia fondatrice e direttrice creativa di Becky Shea Design, offre la sua soluzione: “Optiamo per un layout tradizionale, posizionando il frigorifero a un’estremità della cucina e i fornelli all’estremità opposta. Questa disposizione classica costituisce una base equilibrata per le attività culinarie, che si rivolgono sia sul lato sinistro che su quello destro della cucina. Miglioriamo ulteriormente la funzionalità centralizzando il lavello lungo la parete perimetrale e aggiungendo occasionalmente un secondo lavello sull’isola della cucina”, aggiunge. “Questa configurazione incarna la nostra interpretazione della teoria del triangolo, ottimizzando l’organizzazione della cucina e facilitando un’esperienza culinaria senza sforzo”.

cucina open space 7 consigli per creare spazio perfetto e armonico

Le finestre di una cucina open space possono essere un ottimo spunto per capire cosa mettere e dove all’interno del layout. (Designmag.it)

4. Appoggiare il piano cottura a una parete

Il piano cottura è il fulcro di qualsiasi cucina e un posizionamento attento è fondamentale. In una cucina a pianta aperta, l’esperta di home design di The Plan Collection, Laurel Vernazza, suggerisce di posizionarla vicino a una parete piuttosto che su un’isola. “Il primo motivo è la sicurezza”, spiega. “Un piano cottura caldo sull’isola potrebbe facilmente portare a farsi male. Gli oggetti possono cadere in una fiamma o sciogliersi su un piano a induzione”. Poi c’è il fattore ventilazione. “Un problema che di solito si rivolte in modo più efficace ed economico quando il piano cottura è contro un muro, installando una cappa”. Infine l’aspetto pratico. “Con un piano cottura situato contro una parete probabilmente c’è un accesso più facile a pentole e padelle su entrambi i lati. Ed è possibile installare un rubinetto di riempimento della pentola per un rapido accesso all’acqua”.

5. Separare la stanza con i controsoffitti

“Implementa un approccio a più livelli”, suggerisce Artem Kropovinsky. “Avere altezze diverse può delimitare aree specifiche, come un’area bar rialzata per nascondere l’area di preparazione dai posti a sedere o dalla zona lounge”.

6. Pianificare lo stoccaggio pensando alle zone giorno e pranzo

In una cucina open space, la disposizione dei contenitori ha un impatto sul resto dell’ambiente. “Due tipi completamente diversi di layout della cucina che adoro sono la scaffalatura da parete a parete e l’esposizione a mensole aperte”, afferma Elizabeth Vergara, fondatrice e lead designer dell’azienda di design e costruzioni di lusso Vergara Homes. La prima soluzione “offre il massimo spazio per riporre le cose pur mantenendo una sensazione aperta e ordinata”, la seconda consente di “mostrare utensili da cucina decorativi e creare un’atmosfera ariosa”. Un’altra ipotesi: “Combinare scaffali aperti con contenitori chiusi per trovare un equilibrio tra funzionalità e aspetto visivo. Questo tipo di layout favorisce un’atmosfera personalizzata e invitante che si fonde perfettamente con l’adiacente soggiorno o sala da pranzo”.

7. Sfruttare le finestre

Le finestre di un open space possono essere un ottimo spunto per capire cosa mettere e dove all’interno del layout. “Posizionare la zona cottura vicino alla finestra più grande”, raccomanda Artem Kropovinsky. “La luce naturale migliora l’esperienza culinaria e delinea lo spazio senza bisogno di pareti”. Pensa anche a posizionare la zona pranzo vicino alle finestre, per avere viste e scorci di interesse per i commensali.

avatar autore

Parole di Enrico