Calcare resistente nel filtro del rubinetto: l’aceto non serve, solo così te ne liberi definitivamente

Addio per sempre alle incrostazioni di calcare nel rubinetto: con questo metodo il risultato è garantito, non serve nemmeno l’aceto.

A lungo andare è inevitabile che la nostra rubinetteria si riempia di calcare. Per questo motivo, è fondamentale occuparsi della sua regolare pulizia, affinché non si formino quelle fastidiose incrostazioni tanto brutte da vedere e che ostruiscono il passaggio dell’acqua.

Molti per risolvere il problema ricorrono all’utilizzo di specifici detergenti e prodotti chimici, altri invece preferiscono utilizzare degli ingredienti naturali che tutti noi abbiamo in casa.

Ad ogni modo, se vuoi ottenere un risultato assolutamente impeccabile faresti bene a lasciare perdere l’aceto e ad utilizzare quest’altro sistema a dir poco infallibile. Solo così potrai liberarti del calcare definitivamente, senza fare troppa fatica né tanto meno perdere tempo prezioso.

Addio calcare al nel filtro del rubinetto: lascia perdere l’aceto e usa questo

Per eliminare definitivamente le incrostazioni di calcare dal filtro del rubinetto è possibile ricorrere a diversi sistemi. Se non vuoi utilizzare prodotti chimici che potrebbero rivelarsi troppo aggressivi per le tue superfici domestiche, faresti bene ad impiegare degli ingredienti naturali altrettanto efficaci, ma più sicuri e delicati.

calcare filtro rubinetto
Come eliminare il calcare dal filtro del rubinetto (Designmag.it)

Molti usano l’aceto, ma sarebbe un altro il metodo infallibile al cento per cento per ottenere un pulito davvero impeccabile. Bando quindi alle ciance e scopri subito come procedere. Per prima cosa, procurati del semplice bicarbonato di sodio ed una limetta per le unghie.

Fatto ciò, smonta il filtro con l’aiuto di pinza e chiave inglese, dopodiché prendi la lima e passala sulle incrostazioni più ostinate. In questo modo, riuscirai a grattare via il calcare dal filtro con più facilità. A questo punto, immergi il filtro in una ciotolina con dentro una manciata di bicarbonato ed un po’ d’acqua. Lascia agire il mix per qualche ora e infine risciacqua. Il risultato finale sarà garantito! Per un effetto ancora più potente puoi provare comunque ad aggiungere alla miscela anche qualche goccia di aceto di vino bianco.

In alternativa, puoi ricorrere all’aiuto del detersivo per i piatti e di un vecchio spazzolino da denti. Immergi quest’ultimo in una soluzione a base di acqua e detersivo liquido e poi passalo sul filtro incrostato, sfregando ben bene. A differenza del primo metodo, questo risulterà più efficace nel caso di incrostazioni di calcare non troppo persistenti. Non ti resterà che rimontare il filtro al suo posto ed il gioco è fatto!

Impostazioni privacy