Bonus verde 2022: quanto si risparmia e i lavori inclusi

Fino a 5.000 euro per unità immobiliare per il recupero delle aree verdi private e condominiali: è quanto previsto dal bonus verde 2022. Ma chi può chiederlo? Cosa serve per ottenerlo? Per quali interventi si applica? E come si pagano i lavori?

bonus verde

Foto Shutterstock | topseller

Il Bonus Verde 2022 è stato recentemente prorogato fino al 2024 e si tratta di una detrazione fiscale presente nella Legge di Bilancio e finalizzata alla ristrutturazione e sistemazione di spazi verdi privati, anche condominiali. Vediamo tutti i dettagli di questa agevolazione tra i tanti bonus casa 2022 da conoscere.

È possibile richiederlo solo per alcuni tipi di interventi e su una spesa massima di 5 mila euro. La detrazione Irpef è del 36%, perciò il rimborso massimo che si può ottenere è di 1.800 € per ogni singola unità immobiliare. Se si richiede per uno spazio condominiale, invece, la spesa massima di 5 mila € è moltiplicata per ogni unità abitativa del condominio. Vediamo i dettagli.

Bonus verde 2022: chi può chiederlo?

Possono usufruire del Bonus Verde 2022 i proprietari i immobili, i nudi proprietari o usufruttuari e gli affittuari. Ma anche chi ha l’immobile in comodato d’uso, le imprese, gli enti pubblici e privati, e le case popolari.
Va specificato che il bonus si riferisce alla singola unità immobiliare. Pertanto un proprietario di più unità immobiliari può sommare le detrazioni per le spese sostenute su ciascuna proprietà.

bonus verde 2022
Foto Shutterstock | Rawpixel.com

Se l’unità immobiliare oggetto di intervento previsto dal bonus verde 2022 viene venduto, le detrazioni non utilizzate – in parte o del tutto – vengono trasferite al nuovo proprietario per i rimanenti periodi d’imposta. A meno di diversi accordi presi tra le parti. Invece, in caso di decesso dell’avente diritto, l’agevolazione fiscale viene trasmessa interamente agli eredi. I quali subentrano nella proprietà dell’unità immobiliare.

Cosa serve per richiedere il bonus verde 2021?

Per poterlo richiedere è necessario presentare tutte le fatture e le ricevute relative ai lavori e ai materiali . I documenti devono avere la descrizione dettagliata di quanto è stato fatto e riportare il codice fiscale del richiedente.

bonsu verde 2021 2
Foto Shutterstock | Juice Flair

Sarà necessario presentare contestualmente un’autocertificazione su cui sarà indicata la somma totale delle spese da portare in detrazione, garantendo, sotto la propria responsabilità, che i lavori effettuati siano documentati e reali, nonché in linea con le normative.

Bisogna rendicontare le spese sostenute nel quadro E del modello 730 dell’anno di riferimento, con il codice “12”. La dichiarazione dei redditi del proprietario sarà sottoposta a controlli da parte dell’Agenzia delle Entrate, che avrà il compito di verificare la presenza della documentazione adeguata.

Per quali interventi si applica il bonus verde 2022?

bonus verde 2021 3
Foto Shutterstock | flora Asadi

Il Bonus Verde 2022 si può applicare esclusivamente sulle aree verdi già esistenti e non quindi da creare da zero. Sono coperti dal bonus la realizzazione o sistemazione degli impianti di irrigazione, la manutenzione straordinaria dei giardini con realizzazione di giardini pensili o coperture a verde.

Si potranno realizzare pozzi e cambiare recinzione esterna del giardino. Ma non sono coperti dall’agevolazione i lavori fatti in economia con il solo acquisto di materiali. E nemmeno la manutenzione ordinaria periodica delle aree verdi condominiali.

Bonus verde 2022 per i condomini

#DEVA_ALT_TEXT#giardino ecologico fiorito con prato verde
Foto Shutterstock | 1000 Words

Possono usufruire del bonus verde 2022 anche i condomini, essendo prevista la detrazione per gli interventi effettuati su parti comuni esterne. Il tetto massimo di spesa è sempre di 5.000 euro, ma la differenza sta nel fatto che ciascun condomino può richiedere la detrazione limitatamente alla quota condominiale che gli spetta.

Tale quota, tuttavia, dovrà essere stata effettivamente versata al condominio nei termini di presentazione della dichiarazione dei redditi all’interno della quale viene richiesta la detrazione Irpef.

Il rimborso, in questo caso, è ripartito in quote annuali di egual valore per 10 anni a partire dall’anno in cui sono state sostenute le spese per gli interventi

Come pagare le spese da detrarre con il bonus verde 2022?


Per sfruttare l’agevolazione sarà necessario eseguire i pagamenti per i lavori effettuati esclusivamente con mezzi tracciabili. Ovvero carte di credito, bancomat, assegni non trasferibili e bonifico bancario o postale.

Se si opta per quest’ultima soluzione, la transazione deve essere effettuata attraverso i cosiddetti bonifici parlanti. Nella causale del versamento si deve evincere chiaramente che l’operazione riguarda spese sostenute per il recupero di patrimonio verde.

Si dovranno indicare, inoltre, il codice fiscale del beneficiario della detrazione, anche se diverso dall’ordinante del bonifico e il codice fiscale o la partita iva del beneficiario del bonifico.

Se manca uno di questi dati, la detrazione sarà concessa solo se il contribuente presenta una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà. All’interno l’impresa attesterà la correlazione tra i versamenti ricevuti e i lavori realizzati per uno degli interventi oggetto di detrazione.

Ti è piaciuto questo articolo? Segui DesignMag su Google News per non perdere una tendenza!

avatar autore

Parole di Kati Irrente

Giornalista per passione, scrive per il web dal 2008 spaziando da argomenti di cronaca e attualità alle ultime tendenze in fatto di lifestyle. Addicted del vivere green e della buona cucina, divide il tempo libero tra musica, cinema e fumetti d’autore.