Bonus infissi 2024, prevista un’agevolazione fino al 50%: come funziona e chi può richiederla

Una interessante agevolazione per quelle famiglie che vogliono migliorare l’efficienza energetica delle loro case. Ecco il bonus.

Un costo ridotto del 50% quello che il Governo propone a tutte quelle famiglie che vogliono sostituire nelle loro abitazioni porte e infissi. Non va dimenticato che gli infissi sono importanti per il risparmio energetico di una abitazione. Se sono vecchi e usurati, ovviamente la casa non si riscalda come dovrebbe e si consuma maggiormente la fonte energetica necessaria.

Viceversa se gli infissi sono nuovi e moderni, riescono molto bene a isolare l’abitazione dal freddo e a garantire una maggiore efficienza energetica. Ma cerchiamo di capire in cosa consiste questo bonus così interessante che andrà incontro alle famiglie, le quali vivono in appartamento o villetta, e che vogliono sostituire infissi e porte.

Una agevolazione del 50% per chi cambia i propri infissi

Sono numerosi gli incentivi previsti dal Governo per chi decide di migliorare l’efficienza energetica della propria casa, in particolare per quanti hanno la necessità di cambiare porte e finestre.

Bonus infissi 2024
Fino al 50% da detrarre. Chi può usufruire del bonus – designmag.it

Diversi sono gli incentivi per la sostituzione degli infissi, tra questi ci sono:

  • Ecobonus: con una detrazione del 50% per tutto il 2024 per la sostituzione degli infissi.
  • Bonus Casa: agevolazione fiscale del 50% su 96.000 euro per gli interventi di ristrutturazione edilizia.
  • Bonus Sicurezza: detrazione del 50% sul totale di 96.000 euro distribuito in 10 anni.

A questo punto ci si chiede chi sono i beneficiari del bonus infissi. Ebbene nella lista ci sono i locatori, i conduttori, i familiari conviventi, e coloro che possiedono una casa nel regime di usufrutto. Non c’è un requisito legato al reddito, ma alla abitazione stessa e al suo accatastamento. Altro requisito importante è la trasmittanza termica che deve essere sul valore 1,75 e non al di sotto. Altro aspetto da considerare è che il bonus è applicabile solo in caso di sostituzione degli infissi e non per una nuova installazione.

Circa i costi che saranno compresi nel bonus, questi sono:

  • La posa in opera e fornitura di avvolgibili, scuri, persiane e cassonetti;
  • La sostituzione dei vetri già esistenti;
  • La installazione di tende da sole solo se la disposizione è verso sud;
  • La posa in opera e la fornitura di nuove finestre;
  • La installazione e fornitura di porte per l’ingresso;
  • La sostituzione oppure coibentazione dei cassonetti;

Ovviamente si consiglia di rivolgersi a un tecnico specializzato che possa assistere nella compilazione della domanda del bonus, visto che sia l’iter burocratico che le condizioni da rispettare non sono poi così semplici da comprendere. In questo modo si è sicuri di usufruire realmente di quel bonus che permetterà la sostituzione degli infissi e delle porte per un decisivo miglioramento energetico della propria abitazione.

Impostazioni privacy