Arredi e luci Made in Italy tra i prodotti più esportati nel mondo

Nonostante l'emergenza sanitaria, arredi e luci made in Italy hanno subito un notevole incremento nell'ultimo biennio e la tendenza sembra destinata a proseguire

export made in italy

Foto Shutterstock | fizkes

Foto Shutterstock | fizkes

I mobili e i dispositivi illuminanti Made in Italy sono i preferiti dal mercato internazionale. A dirlo è il Rapporto Coop 2021, secondo il quale la crescita della tendenza di acquistare arredi e luci prodotte in Italia sarà sempre più seguita, anche nel prossimo biennio.
Il motivo, probabilmente, è la consapevolezza della qualità delle produzioni italiane che convincono sempre più gente a puntare sul made in Italy.
La notizia lancia una ventata di ottimismo, dopo la crisi economica causata dall’epidemia di Covid, perchè dimostra che la ripresa sta diventando concreta. I livelli di import ed export, infatti, pare abbiano superato addirittura i dati rilevati negli anni precedenti all’emergenza sanitaria.

Mobili e luci Made in Italy, i più apprezzati nel mondo

In particolare, nell’export del Made in Italy, arredo e illuminazione sono tra i settori top della classifica. Il dato di Coop, supporto dai risultati raccolti da FederlegnoArredo, registra un incremento delle vendite all’estero del 43% nei primi cinque mesi del 2021.
Analizzando la geografia delle esportazioni, la Francia è la prima acquirente, seguita da Stati Uniti e Germania. Anche Regno Unito e Svizzera rientrano nella top five degli sbocchi commerciali italiani.

Gli imbottiti, i preferiti

Nell’ambito dell’arredamento, saranno principalmente gli imbottiti e, più in generale, dei complementi per l’area living. I divani, tra i quali spicca il marchio Natuzzi, e le poltrone si piazzano al primo posto tra gli arredi acquistati in Francia. La camera da letto, invece, è tra i settori che ha subito il più notevole incremento, soprattutto nell’esportazione verso gli Stati Uniti.
Meno eclatanti, sebbene positivi, risultano i valori percentuali che riguardano la vendita all’estero di cucine, arredo bagno e ufficio.
Anche le importazioni migliorano, soprattutto se provenienti dalla Cina, primo paese fornitore. seguono Germania, Polonia, Paesi Bassi e Spagna.

Parole di Maria Laura Leo

Laureatami a Bari in Architettura nel 2014, dall'anno successivo esercito la libera professione di architetto in provincia di Matera. Sono redattrice freelance per diverse testate giornalistiche e scrivo articoli su tematiche inerenti l'architettura e il design, attività che mi consente di abbinare l'oggetto del mio lavoro alla mia passione per la scrittura.