Under 36, agevolazione prima casa: cosa cambia con il decreto Milleproroghe

Il decreto Milleproroghe ha apportato degli interessanti cambiamenti per l’agevolazione legata all’acquisto della prima casa per under 36.

I benefici per i giovani previsti per l’acquisto del primo immobile, quindi quello destinato alla casa di residenza, sono fondamentali e prevedono tantissime esenzioni che vanno di fatto ad abbassare le spese a proprio carico.

La legge di Bilancio 2024 aveva già cambiato alcuni aspetti di questo tipo di bonus per gli immobili e ora con il nuovo decreto sono state effettuate nuove specifiche quindi altri elementi da considerare per tutte le procedure ma anche per avere un’idea pratica dal punto di vista economico.

Mutuo casa under 36: cosa cambia

Coloro che hanno fatto l’atto di compravendita entro il 2023 possono accedere ai bonus prima casa quindi seguendo quelle che sono le specifiche relative, ovvero età entro i 36 anni e ISEE fino a 40 mila euro. La garanzia del mutuo casa è fornita da Consap mentre per le altre agevolazioni che erano previste la questione si è fatta più complessa.

Under 36 agevolazioni prima casa
Agevolazioni prima casa, cosa cambia (designmag.it)

Sostanzialmente con il passaggio al nuovo anno il beneficio è stato convalido e quindi resta fruibile, sempre entro i termini economici stabiliti nell’anno precedente. Il problema in questo caso è un altro e riguarda propriamente tutte quelle esenzioni come imposta di registro, ipotecaria, catastale, credito d’imposta sull’IVA che invece decadono.

Riguardo questo passaggio il decreto Milleproroghe ha determinato ancora un cambiamento perché ha stabilito che per i compromessi firmati entro il 2023 ma con un passaggio mediante rogito nel 2024 si applicherà comunque l’esenzione totale quindi tutto il pacchetto che era previsto prima, non solo la garanzia del mutuo con Consap.

Quindi, mentre la disposizione precedente limitava le agevolazioni da comma 6/7/8 del decreto 73 del 2021 agli atti firmati entro il 2023 ora potranno avvalersi di queste specifiche anche coloro che faranno il rogito della casa entro il 2024. Resta comunque valido il valore dell’indicatore economico che deve essere sempre fissato a tale cifra.

Le agevolazioni per il 2024, relative all’acquisto del primo immobile, per i giovani under 36 sono quindi: garanzia Consap al 50% che permette di assicurare mutui fino a 250 mila euro, questa regola si applica tutti i mutui ma non ad abitazioni di lusso, garanzia all’80% che riguarda il superamento del mutuo oltre questo valore dell’immobile e poi l’esenzione relativa ad imposte di registro, ipotecaria, catastale, credito d’imposta.

Un aggiornamento importante che apre a nuove possibilità soprattutto per quanti avevano anche pensato di comprare un immobile e firmato nella speranza di ottenere un sostegno economico e si erano ritrovati successivamente con la fine di questo beneficio.

Impostazioni privacy