Saint Laurent presenta la sua prima collezione di vasi, ispirata a Marrakech

Tre splendidi vasi colorati realizzati dall'artista Mathilde Martin e che si ispirano al Marocco tanto amato dallo stilista

Saint Laurent vasi Marrakech

Foto Instagram | @ysl

Yves Saint Laurent amava Marrakech e in particolare i giardini Majorelle, e furono per lui una seconda casa e una continua fonte di ispirazione. Proprio a questo luogo magico, oggi sede del museo dedicato allo stilista, è dedicata la prima collezione di vasi firmati Saint Laurent Rive Droite e realizzati dall’artista della ceramica Mathilde Martin.
Tre vasi dai colori pieni e le forme grezze e semplici, ma piene di vita: il direttore creativo Anthony Vaccarello ha voluto omaggiare la bellezza dei luoghi cari a Yves e Pierre Bergé, dove vissero dal 1980, riassumendo nella gres di Borgogna la natura rigogliosa, le forme e i colori del Marocco.

Il debutto nella ceramica per celebrare il legame tra Saint Laurent e Marrakech

Prosegue quindi il filone artistico delle capsule collection esclusive dedicate al mondo dell’arte: dopo quella incentrata su Basquiat, composta principalmente da accessori, ecco quella pensata per l’arredamento esclusivo e ricercato, con accessori realizzati in un materiale raffinato e sfaccettato, che prende vita con i riflessi e la luce.
Il vaso più alto della collezione di Saint Laurent è in un rosso scarlatto brillante, con una punta di giallo che lo rende più “mediterraneo” e acceso, facendo contrasto con quello arancio-corallo, più basso ma altrettanto acceso, che sa di mare e di luoghi silenziosi immersi nella natura.
Chiude la capsule collection un vaso che quasi ricorda le ciotole tradizionali, dalla forma ovale, di un nero mescolato col marrone cupo e intenso, che richiama vegetazione e bacche: quasi se ne può sentire il profumo.
I vasi e la collezione lifestyle Saint Laurent, compresi i gioielli, sono disponibili nei negozi Saint Laurent Rive Droite a Parigi e Los Angeles, oltre che sul sito ufficiale del brand.

Parole di Carlotta Tosoni

"Una cosa bella è una gioia per sempre" diceva John Keats. Provo ad applicare questi versi nella pratica cercando e studiando tutto ciò che è esteticamente e intellettualmente interessante. Infatti arte, bellezza e comunicazione sono sempre stati la mia guida nello studio, nel lavoro e nella vita: ricercare contenuti validi da esprimere in maniera piacevole e da comunicare efficacemente. Solo così si può provare a cambiare le cose. La mia formazione è stata economica e artistica, la scrittura il mio mezzo preferito per raccontare il mondo, le mie passioni la storia dell’arte, il beauty, lo sport. Dal 2020, collaboro con Alanews nella produzione di contenuti per il network Deva Connection.