Sai quanto ti costano le pulizie di casa in bolletta ogni anno? Cifra spaventosa

Le pulizie di casa hanno un costo in bolletta e le cifre possono essere piuttosto impegnative, solo che nessuno immagina siano così elevate.

Con il cambiamento dei mercati e i costi in aumento è giusto comprendere per cosa si spende di più e soprattutto come tagliare la bolletta anche intervenendo su quelle abitudini che riguardano la vita di tutti i giorni.

Tutti sono convinti che i costi maggiori delle bollette e quindi delle materie prime siano dati unicamente da quelle che sono le spese importanti come i grandi elettrodomestici o il gas dei termosifoni ma non è proprio così. Anche le spese piccole, ripetute ogni giorno o per una molteplicità di cose, progressivamente incidono in maniera importante sul prezzo finale.

Costo pulizie di casa in bolletta: cifra assurda

I costi delle pulizie in bolletta hanno quindi un valore importante, sono una fetta determinante dell’importo finale che si va a spendere perché, anche se non vengono fatte con particolari accessori sono comunque ripetute giorno dopo giorno e quindi accumulano di fatto i costi.

costi pulizie bollette cifre spaventose
I costi reali in bolletta per le pulizie di casa (designmag.it)

Quando si parla di pulizie domestiche bisogna considerare tutto l’insieme quindi sia i costi relativi ai consumi che quelli per i prodotti. Guardando agli strumenti che vengono tipicamente utilizzati ci sono la lavatrice che è un elettrodomestico che consuma abbastanza, anche se si tratta di un modello di ultima generazione quindi di classe energetica bassa hanno i loro costi.

In base va considerata una media di 25 centesimi a lavaggio, che sembra poco ma se si fa una lavatrice semplice, breve, ogni due giorni allora si spende una media di 40 euro l’anno, chi ne fa una al giorno ne spende circa 80. Parlando di asciugatrice la cosa peggiora e anche di parecchio, solo per asciugare gli indumenti, si spendono dai 75 ai 150 euro annui.

Va quindi considerato il costo del ferro da stiro, in questo caso dipende dal modello, dal tempo e in generale dalle caratteristiche ma si possono considerare circa 0.60 centesimi all’ora. Quindi per chi stira 2 ore a settimana il costo è di 60 euro annui. Anche l’aspirapolvere ha la sua spesa, un modello classico con filo consuma all’ora 25 centesimi, quindi passandola un paio di ore a settimana sono 26 euro annui. Con un modello più potente si arriva anche al doppio del costo.

Solo per questi strumenti base che in molti casi vengono impiegati addirittura ogni giorno il risultato economico annuo è veramente impegnativo e con gli aumenti la situazione potrà solo degenerare quindi è importante capire bene come agevolarsi andando a ridurre gli sprechi.

Impostazioni privacy