Prima di chiudere il balcone con una veranda è meglio informarsi: la legge al riguardo è molto chiara

Chiudere un balcone della propria casa per sfruttare uno spazio aggiuntivo è un’idea che sicuramente alletta molte persone.

Un balcone, anche se piccolo, può rappresentare un’area alternativa, da dedicare al relax o anche per stipare oggetti, oppure come zona lavanderia. Pensare di chiuderlo, semplicemente effettuando dei lavori, però, non è una buona idea perché esistono normative specifiche proprio per questa opzione.

Le regole sono chiare, anche e soprattutto se ci troviamo in una situazione condominiale. Ecco che sapere come muoversi correttamente limiterà il rischio di dover intervenire per ripristinare la condizione iniziale, con ovvio spreco di denaro. Se non si effettuano i lavori come e se consentito, infatti, si rischia di incorrere in abuso edilizio e va da sé che questa condizione porta solamente beghe da risolvere e uscite economiche, quando non delle vere e proprie sanzioni amministrative.

Vuoi chiudere il balcone? Ecco tutto quello che devi sapere

La Legge, come detto, parla chiaro, e non è possibile chiudere un balcone per farlo diventare una stanza interna “extra”.

chiudere il balcone con vetrate scorrevoli removibili
Possiamo usare le vetrate scorrevoli ma devono essere removibili (Designmag.it)

Le normative contemplano anche qualsiasi materiale potremmo pensare di usare, come ad esempio vetrate o infissi di vario tipo. C’è da dire, al contempo, che sempre la Legge non vieta di riparare il balcone dalle intemperie, ecco perché si possono montare tende o altri tipi di struttura removibile.

Il “trucco” sta proprio qui, ovvero scegliere delle vetrate scorrevoli e removibili, perché in questo caso i lavori sono consentiti. Tra l’altro l’offerta sul mercato è molto ampia e si possono trovare soluzioni persino molto economiche.

Però si devono osservare ulteriori precauzioni, perché c’è un limite alla libertà di scelta. Nel caso ad esempio di una casa singola, gli allestimenti non dovranno comunque cambiare la struttura dell’immobile e dovranno essere in sintonia con l’ambiente circostante. Nel caso del condominio ci sono ancora più restrizioni. Infatti un condomino non può installare nemmeno le tende a piacimento, e ogni modifica/arredo del balcone deve sempre passare per l’approvazione dell’assemblea.

Ad esempio, proprio nel caso di tende da esterni, se arriva l’ok dall’assemblea tutti i condomini che vorranno installarle dovranno sceglierle uguali. Anche nel caso che l’assemblea approvi la chiusura del balcone con vetrate scorrevoli, queste non dovranno essere esteticamente in contrasto con l’aspetto estetico del condominio.  In conclusione, possiamo chiudere il balcone ma solo informandoci adeguatamente sulle regole vigenti, e se ci sono normative comunali particolari e ancora di più se siamo in una realtà condominiale.

Impostazioni privacy