Nuovi bonus utenze, spese sanitarie e pagamento dell’affitto: pubblicata la domanda

Nuovi bonus riguardano sia le spese sanitarie che il pagamento dell’affitto e sono fruibili dalla popolazione mediante apposita domanda.

Il pacchetto di aiuti previsto per il 2024 si va ampliando ma anche delineando ed è una buona notizia per tutti coloro che possono in questo modo attingere a quelli che sono i sussidi previsti e che potranno quindi ottenere sicuramente un aiuto diretto in termini finanziari.

Ci sono però procedure diverse sia per la richiesta che per quanto riguarda la modalità di erogazione, è utile pertanto informarsi e fare attenzione per avere tutte le specifiche del caso ed evitare errori importanti.

Nuovi bonus: utenze, spese sanitarie, affitto

Un sostegno economico diretto per tutte le famiglie che si trovano in condizioni di disagio economico e sociale. Si tratta di una misura prevista per coloro che hanno più figli e quindi un nucleo numeroso, l’obiettivo è intervenire proprio su quelle voci di spesa che gravano pesantemente nel bilancio personale. Da un lato ci sono infatti i termini di pagamento di affitto e utenze, dall’altro di beni di necessità come ciò che riguarda le spese sanitarie. Bisogna valutare tutto con attenzione e capire come fare richiesta per accedere al contributo.

Nuovi bonus spese sanitarie affitto utenze
Nuovi bonus, come fare domanda (designmag.it)

Secondo quanto previsto la domanda va fatta sia tramite raccomandata che mediante PEC quindi a seconda dello strumento a propria discrezione ci saranno tempistiche leggermente differenti. Per determinare gli aiuti viene fatta compilare una scheda, è una griglia di valutazione che permette di ricevere una serie di punti per la propria condizione. Questo consente subito di individuare chi ha più bisogno in termini economici e quindi anche in relazione a quelli che sono i fondi previsti che forse non permetteranno di aiutare tutti.

Ad esempio c’è la valutazione della situazione economica con varie fasce di ISEE, la presenza di figli, la presenza di disabili nel nucleo, condizioni di vulnerabilità, ecc. A parte viene fatta compilare una dichiarazione sostitutiva unica in cui si certifica la composizione del nucleo familiare. A questo punto si può procedere alla richiesta del bonus, sono previste tre opzioni (anche più di una): contributo a sostegno del pagamento dell’affitto, utenze, spese mediche specialistiche non riconosciute dal SSN.

Bisogna presentare tutta la documentazione quindi l’allegato B reperibile sul sito internet, lo schema per l’attribuzione dei punti, i documenti personali del nucleo, secondo la modalità scelta. Successivamente avverrà comunicazione personale per l’ottenimento del beneficio. Il Comune di Nardò valuterà le singole situazioni e stilerà una graduatoria per l’accesso ai fondi disponibili a sostegno della condizione economica personale.

Impostazioni privacy