Nuda proprietà: cos’è | In alcuni casi è un affare ma in altri è da vitare assolutamente, normativa aggiornata

La nuda proprietà è una condizione che si può trovare come descrizione di un immobile in vendita, e a volte può permettere di fare affari.

Chi cerca una casa da comprare sicuramente confronta molti siti di agenzie e quando c’è un prezzo basso che sembra conveniente potrebbe trovarsi di fronte a un immobile con la dicitura “nuda proprietà”. In alcuni casi questa opzione può rappresentare un affare, ma non è sempre oro tutto quel che luccica.

Si tratta infatti di un’eventualità non sempre presente negli annunci e qualcuno potrebbe non sapere esattamente cosa significhi e cosa comporta in una transazione di compravendita. Conoscere nel modo giusto come funziona la nuda proprietà permette di prendere la decisione più adatta alle proprie esigenze.

Cos’è la nuda proprietà e quando può davvero permettere di fare un affare vantaggioso

Se nella descrizione di un immobile in vendita troviamo la dicitura nuda proprietà significa che siamo di fronte a un potenziale buon affare, ma solo se si desidera effettuare un investimento a lungo termine.
anziano vende la casa e rimane usufruttuario
La nuda proprietà conviene se gli usufruttuari sono molto anziani (Designmag.it)
Questo perché in pratica l’immobile in oggetto viene venduto – a una cifra più bassa del consueto – perché al suo interno rimangono a vivere delle persone, che possono essere inquilini o proprietari dell’immobile stesso.
Il loro diritto a stare nell’immobile è chiamato usufrutto. Il nudo proprietario sarà quindi colui che acquista l’immobile e ne diventa appunto proprietario ma non ha il diritto di andare a vivere in quella casa, secondo gli accordi che vengono fatti durante la compravendita.
Infatti gli usufruttuari possono stabilire di continuare a vivere nell’immobile per un tot di tempo o fino a che non muoiono. A quel punto, quando scade il termine temporale o avviene il decesso, il nudo proprietario entra in possesso anche del diritto di usufrutto.
Questa opzione viene spesso utilizzata da anziani, che vendendo la casa a un nudo proprietario possono rimanere lì, e avere a disposizione del denaro per trascorrere gli anni che rimangono in serenità. Il nudo proprietario può fare un affare perché paga un prezzo più basso investendo nel futuro.

Tra l’altro un nudo proprietario non dovrà sostenere le spese della manutenzione ordinaria, perché quelle spettano all’usufruttuario, e dunque risparmia dei soldi e ha la garanzia che l’immobile sarà manutenuto correttamente. Inoltre il pagamento dell’acquisto di una nuda proprietà può avvenire sia in un’unica soluzione che ratealmente, essendo un ulteriore vantaggio per chi desidera investire senza indebitarsi con mutui corposi.

Ovviamente si tratta di un affare solamente se gli usufruttuari sono anziani, e dunque si presume che in pochi anni lasceranno libero l’immobile. Inoltre più alta è l’età di chi ha il diritto di usufrutto e più alto sarà il prezzo dell’immobile stesso, per ovvie ragioni. Il prezzo è infatti stabilito a seguito di una perizia, che viene svolta secondo le normative contenute nell’articolo 832 del codice civile.

Impostazioni privacy