Manutenzione dei balconi: ecco chi paga nel 2024 tra proprietario e condominio

Comprendere queste norme è essenziale per una gestione più chiara e trasparente delle responsabilità e delle spese.

Nel contesto immobiliare, la manutenzione delle parti esterne di un edificio è sempre un argomento delicato e di fondamentale importanza. Balconi e terrazze, spesso al centro di discussioni tra condomini, rappresentano una delle questioni più rilevanti in termini di gestione e ripartizione delle spese. Le normative in vigore cambiano spesso, motivo per cui è essenziale per i proprietari di immobili e gli amministratori di condominio essere costantemente aggiornati per evitare sorprese e spese impreviste.

L’incertezza su chi debba coprire i costi di manutenzione dei balconi può generare tensioni e complicazioni non necessarie. Avere chiare le responsabilità aiuta a pianificare interventi tempestivi e a mantenere l’edificio in buone condizioni, preservando il valore delle proprietà e garantendo la sicurezza di tutti i residenti. Le legge, per fortuna, è piuttosto chiara in materia.

Per capire chi deve pagare è importante capire la differenza tra i vari tipi di balcone

Prima di esplorare chi è tenuto a sostenere i costi di manutenzione dei balconi, è cruciale comprendere la distinzione tra i diversi tipi di balconi. I balconi sporgenti sono quelli che si estendono oltre la linea della facciata dell’edificio, offrendo una visuale su tre lati e non avendo strutture connettive con altri balconi. Al contrario, i balconi integrati sono quelli che non arrivano oltre il perimetro dell’edificio e sono contenuti entro la linea della facciata, fungendo spesso da soffitto per i balconi sottostanti.

chi paga la manutenzione balconi
Come si suddividono le spese di manutenzione dei balconi (designma.it) Foto Canva

La questione di chi debba pagare per la manutenzione dei balconi dipende dalla natura del balcone stesso. Angelo Greco, esperto della redazione di “La legge per tutti”, fornisce una spiegazione dettagliata riguardo alle normative attuali e alle responsabilità dei proprietari.

Per i balconi sporgenti, l’intera struttura è generalmente di proprietà del titolare dell’appartamento dal quale il balcone si estende. Questo significa che la manutenzione, inclusi eventuali danni derivanti dalla caduta di calcinacci o altri problemi strutturali, è a carico del proprietario dell’unità. La logica dietro questa disposizione è che il balcone sporgente è considerato un’estensione diretta dell’appartamento, quindi la sua manutenzione non rientra nelle responsabilità comuni del condominio.

Nel caso di balconi integrati, invece, la situazione è differente. Questi balconi sono trattati come parti strutturali dell’edificio, analogamente ai soffitti o ai solai interni. Pertanto, secondo il codice civile, le spese per la loro manutenzione e ricostruzione sono suddivise equamente tra il proprietario dell’unità superiore e quello dell’unità inferiore. Il proprietario del piano superiore è responsabile per la manutenzione del pavimento del balcone, mentre quello del piano inferiore si occupa del soffitto, inclusi intonaco, tinta e decorazione.

Impostazioni privacy