Expo 2015: gli appuntamenti dedicati ai bambini

Vediamo quali sono gli appuntamenti e gli spazi più interessanti dedicati ai bambini e alle famiglie

Childrens Park

Per 184 giorni, la 34esima edizione dell’Expo vedrà un susseguirsi di eventi che saranno seguiti da 20 milioni di visitatori. Fra questi ci saranno anche molte famiglie e 800 mila bambini. Si, perchè l’Esposizione Universale di Milano sarà la prima a misura di famiglia. Mille i passeggini di cortesia, 14 le nursery, mille i prodotti per la pappa posizionati in 10 punti ristoro. Una Children Hospitality di cui si occuperà Chicco Artsana, fatta anche da spazi pensati specificamente per i bambini, dove saranno intrattenuti con attività ad hoc per coinvolgerli sul tema generale proposto.

Si avvicina Expo Milano 2015, l’evento mondiale sull’alimentazione: sarà un viaggio attraverso i sapori, la cultura e le tradizioni di tantissimi Paesi. questo progetto vuole simbolicamente mettere a tavola insieme i bambini di tutto il mondo, perché possano condividere, giocando, il messaggio di Expo Milano 2015. una grande opportunità educativa per tutti e in modo speciale per i bambini, cittadini di domani. La Family Map indica i principali luoghi e le principali iniziative dedicate a bambini e genitori all’interno dell’Esposizione Universale.
L’area dedicata ai bambini si chiama Children Park, è stato sviluppato su un progetto di Reggio Children, ed è curato da Sabina Cantarelli con Studio ZPZ e Stefano Maffei. Il concept, intitolato Ring around the planet, Ring around the future, rimanda alla metafora del girotondo come gesto che abbraccia il Pianeta. 8 le postazioni interattive dove si può giocare con gli elementi primordiali: aria, terra, acqua ed energia che qui prende il posto del fuoco. L’attenzione a questi elementi e un approccio ludico e sensoriale consentono di trovare una relazione tra i vari momenti di esplorazione e divertimento, che privilegiano più modalità di interazione, mettendo in campo abilità e conoscenze diverse. Questo viaggio è accompagnato da un album, consegnato all’ingresso ad ogni bambino, ricco di sorprese e approfondimenti sui contenuti del Children Park. E poi si può interagire con il mondo animale e quello vegetale, oltre che rimanere incantati dalle campane aromatiche che anziché suoni emettono essenze, nonchè la grandiosità dell’orto extralarge. Ricordiamo che fino a 3 anni l’ingresso è gratuito (ma è obbligatorio il ritiro del tagliando). Dai 4 ai 13 anni, il biglietto è in vendita solo nelle formule per famiglia. Anche gli studenti da 14 a 25 anni hanno diritto allo sconto ma solo dietro presentazione di documenti che accertino lo stato di studente.
Childreshare è invece un progetto di inclusione di Expo 2015 attivato in collaborazione con Fondazione MUBA Museo dei Bambini di Milano: un programma culturale, ludico ed educativo, un gioco per divertirsi con le culture del mondo. Childrenshare è attivo presso la Rotonda di via Besana, e vede un’installazione-teaser ad anticipare Expo Milano 2015. “Prepariamo la tavola” è un grande tavolo interattivo a uso gratuito che permette di giocare con i piatti e le apparecchiature delle tavole del mondo, per prepararsi ad accogliere e a essere accolti nello scambio e nella convivialità interculturale. Durante i 6 mesi di Expo, sempre presso la Rotonda di via Besana, sarà proposta una densa programmazione di mostre e attività per dare spazio e forma ai temi che sono alla base di Expo Milano 2015 nelle loro possibili forme scientifiche e culturali, quali il nutrimento come valore e come risorsa e l’alimentazione come educazione e come cultura. Contemporaneamente, sarà possibile giocare con Childrenshare anche presso Agorà, la struttura di Expo 2015 presso il Castello Sforzesco a Milano.

Parole di Anna Franceschi