Canna fumaria condominiale: cosa sapere al riguardo, autorizzazioni e permessi necessari

Una canna fumaria può essere installata lungo il muro di un condominio ma ci sono alcune regole da rispettare.

La canna fumaria è un impianto per la raccolta e il direzionamento dei fumi che può essere realizzata in muratura e servire tutti gli appartamenti di un condominio, oppure può essere una struttura esterna realizzata in metallo e applicata al muro condominiale in un momento successivo alla costruzione del condominio stesso.

Nella maggior parte il regolamento condominiale prevede e concede la costruzione di eventuali canne fumarie esterne a opera di un condomino che ne abbia necessità. Il motivo è che le pareti di un condominio, così come quelle di una qualsiasi costruzione, svolgono anche la funzione di supporto delle canne fumarie. In questo caso basterà semplicemente comunicare all’amministratore la propria intenzione di costruire una canna fumaria e allegare per conoscenza uno schema del progetto.

Spesso però non è un condomino ad avere l’esigenza di installare una canna fumaria esterna ma un esercizio commerciale posto al piano terra del condominio in questione. Anche in questo caso, a patto che la canna fumaria sia realizzata secondo certi parametri, può essere realizzata senza problemi.

L’unico caso in cui la procedura burocratica per installare una canna fumaria esterna diventa più lunga e più complessa è nel caso in cui li regolamento condominiale preveda il divieto di costruzione di una canna fumaria. In questo caso sarà comunque possibile costruirla ma bisognerà prima ottenere il permesso dell’assemblea condominiale.

Canna fumaria: quali regole rispettare per la sua installazione

Le regole che è strettamente necessario rispettare quado si installa una canna fumaria sono essenzialmente tre e tutte di fondamentale importanza.

La prima regola è che la canna fumaria sia realizzata a norma di legge e che, quindi, non provochi la dispersione di fumi e di odori nocivi in maniera da arrecare disturbo ai proprietari dei vari altri appartamenti.

permessi canna fumaria condominiale
Canna fumaria esterna – designmag.it

In secondo luogo la canna fumaria non deve alterare l’armonia complessiva della facciata dell’edificio. Questo significa quindi che dev’essere realizzata possibilmente in un lato del condominio diverso dalla facciata e in un colore che si armonizzi con quelli del condominio.

Infine la canna fumaria deve passare a una determinata distanza dalla parete del condominio, soprattutto se si tratta della canna fumaria di forni o camini. Tale distanza minima può essere fissata da un regolamento comunale che sarà quindi bene consultare, oppure può  essere definita dal tribunale sulla base delle specifiche esigenze territoriali. Ovviamente la canna fumaria dovrà essere anche posizionata lontano dalle finestre in maniera da consentirne una corretta apertura e chiusura.

Impostazioni privacy