Altro che rifare tutta la cucina, ecco il trucco per rinnovare che ti costa pochissimo

Rifare da zero una cucina è un intervento molto costoso ma ci sono dei metodi alternativi e poco dispendiosi per rinnovare quella esistente

La cucina è sicuramente uno degli ambienti di casa più costosi e solitamente quando si progettano i mobili per arredarla ci si augura che possano durare molto a lungo nel tempo. Talvolta però i materiali tendono a deteriorarsi al punto da rendere necessario un intervento urgente.

Il problema è che acquistare una cucina ex novo richiede un enorme dispendio di denaro ma fortunatamente esistono una serie di soluzioni alternative e decisamente più economiche per rinnovare i mobili esistenti facendoli tornare come nuovi.

Rinnovare la cucina, molteplici soluzioni fai da te e dai costi limitati

Le possibilità in tal senso sono molteplici e riguardano sia i mobili che le piastrelle del paraschizzi o, perché no, il pavimento. Per quanto riguarda le piastrelle ci sono vari modi per ricoprirle ad esempio acquistando le piastrelle in pvc adesive, dei pannelli che vanno fissati a quelle vecchia e che si attaccano mediante adesivo. Ne esistono di varie forme e fantasie, resistono all’acqua e non richiedono l’intervento di professionisti per applicarle poiché si tratta di un intervento fai da te davvero molto semplice da attuare.

Le soluzioni più convenienti per dare nuova luce alla cucina
Come ricoprire piastrelle e mobili della cucina (designmag.it)

In alternativa si può optare per l’adesivo decorativo, stickers che vanno applicati alle piastrelle molto accessibili dal punto di vista economico e disponibili anche in tipologie resistenti ad acqua e calore. Altre possibilità sono lo smalto per piastrelle indicato se la superficie da ricoprire è ampia e applicabile con un pennello, oppure la resina se si vuole creare una superficie uniforme. Ultima idea è il microcemento che si può utilizzare anche per coprire le piastrelle dei pavimenti e che crea una superficie uniforme dando un suggestivo effetto materico.

Come rinnovare mobili e pensili

Allo stesso modo si può valutare un intervento su mobili e sui pensili che compongono la cucina: anche in questo caso esistono speciali pellicole resistenti a calore, acqua, unto ed altre sostanze, che possono essere applicate senza troppa fatica su di essi per cambiarne tonalità o fantasia. In alternativa si può valutare l’utilizzo di appositi smalti e vernici, un metodo questo ampiamente utilizzato anche nel caso di cucine in buono stato ma dallo stile ormai obsoleto. Il lavoro è fai da te e richiede un impegno di poche ore, ed il risultato la farà sembrare come nuova.

Impostazioni privacy