Come passa il tempo alla mostra “O’Clock: time design, design time” al Triennale Museum

Avete ancora tempo fino all' 8 gennaio per vedrere come passa il tempo alla mostra “O’Clock: time design, design time” presso il Triennale Museum di Milano

da , il

    mostra triennale orologi

    Avete ancora tempo fino all’ 8 gennaio per vedrere come passa il tempo alla mostra “O’Clock: time design, design time” presso il Triennale Museum di Milano. A cura di Silvana Annicchiarico e Jan van Rossem con un progetto di allestimento e graficafirmato da Patricia Urquiola il museo milanese ha presentato una grande mostra che nasce con lo scopo di indagare i rapporti fra il tempo e il design. La mostra è realizzata in partnership con il marchio di alta orologeria Officine Panerai che, in occasione dell’inaugurazione ha presentato un’installazione dedicata al design dei propri orologi.

    Un’ampia selezione di opere site-specific, installazioni, oggetti di design, opere d’arte, video di artisti e designer internazionali cercano di rispondere a domande importanti e significative come: “In che modo misurare il tempo?”, “Come mostrare il tempo che passa?”, “Come vivere in modo esperienziale il tempo?”. Tutti i lavori esposti affrontano temi che hanno a che fare con il passare del tempo dal “tempo in divenire” o la “deperibilità”, in modo talvolta divertente, talvolta poetico, talvolta meditativo e critico.

    La tendenza apparentemente dominante oggi pare che sia la “presentificazione”, cioè un processo per cui la nostra memoria diventa sempre più breve mentre facciamo più cose, forse troppe, contemporaneamente. Ci sono però sempre più forti tendenze che affermano l’inopportunità del ricordo, del passato. E sempre più debole è la capacità di immaginare il futuro. In questo quadro di appiattimento del tempo sul presente l’urgenza della mostra è essere quella di far vedere la multiprospetticità del tempo, il suo incessante lavorio e il suo trascorrere.