Come arredare un salotto studio: soluzioni per rendere chic e professionale una stanza della propria casa

da , il

    State cercando un buona soluzione per arredare un salotto studio in casa vostra? Non disperate, ce ne sono tante, molte più di quelle che riuscite ad immaginare. Capita sempre più spesso di imbattersi in appartamenti con open space e meno stanze da adibire in base ai propri consueti usi. C’è chi la camera in più la destina ai giochi per i bambini, chi alla stireria e lavanderia e altri ancora che vorrebbero realizzare uno studio. Ma se la stanza in più manca un angolo o zona studio si può ricavare nel salotto. Scoprite insieme a noi di Design Mag come fare per arredare con gusto una stanza a portata di tutti.

    Per poter arredare un angolo studio in salotto prima di tutto dovete trovare il punto della stanza che meglio si addica a poterlo realizzare. Dipende tutto dalla luce naturale e dalle lampade della stanza e dal posizionamento a voi più comodo per lavorare in libertà, riuscendo comunque ad isolarvi dal resto della camera così da non perdere la concentrazione. La zona studio dovrà essere perfettamente integrata con il resto della camera, quindi i mobili che sceglierete, in primis la scrivania, dovranno essere identici o almeno affini a quelli che riempiono il soggiorno. Non forzate gli accostamenti ma studiateli con cura, non scegliete elementi troppo metallici e freddi, come solitamente si fa quando si allestisce un vero e proprio ufficio, ma pensate che quella è una stanza della vostra casa e, come tutte, deve sempre risultare familiare e ospitale.

    Puntate su una scrivania ampia e spaziosa, non tanto perché avete bisogno di una grande superficie, ma per allestirla con qualche decorazione o complemento, come un vasetto con una bella orchidea, foto di famiglia o di amici, lampade da tavolo di design. Non pensate nemmeno di prendere cestino porta rifiuti, porta penne e una vasta gamma di faldoni da esposizione, perché renderebbero il vostro soggiorno freddo e poco consono alla sua naturale connotazione. Scegliete mobili in legno, che risultano sempre più caldi, mettete da parte metalli e cristalli. Per il pc utilizzate un portacavi, affinché tutto sia ben nascosto e possibilmente scegliete monitor, tastiera e altri accessori in tono con la scrivania o che almeno non risultino troppo ‘da ufficio’.

    Infine dobbiamo pensare alla sedia. Il modello più giusto è la poltroncina imbottita con braccioli ma non scegliete le solite rosse o blu elettrico, perché sicuramente poco avranno a che fare con il vostro salotto. Puntate su qualcosa di più chiaro, magari una seduta di design ma che sia comoda per voi e la vostra postura. Un modello adeguato potrebbe essere la Stokke senza schienale, che oltre ad essere comoda può essere n ascosta con facilità sotto la scrivania quando avete ospiti.