Venini Arte Pura: la luce e la magia del design

Venini Arte Pura è la kermesse d'artista organizzata dalla maison del vetro soffiato di Murano al FuoriSalone 2013: opere inedite come la lampada Stelle Filanti, accanto ai classici dei più grandi designer

da , il

    Venini Arte Pura è l’evento Fuorisalone 2013 della maison veneziana del vetro soffiato che espone in occasione del Salone del Mobile nello spazio Vernini al 9 di via Montenapoleone. L’esposizione è una kermesse d’artista con opere inedite di grandi designer come Alessandro Mendini, Fabio Novembre, Atelier Oï, Emmanuel Babled, Matteo Thun e Mario Bellini, oltre a pezzi storici di Carlo Scarpa e Napoleone Martinuzzi. Tra le novità quella che più colpisce è la lampada “Stelle Filanti” degli svizzeri Atelier Oï dove una fitta rete sorregge una lampada in vetro soffiato; da ammirare anche la lampada Ginevra di Alessandro Mendini, edizione limitata a soli otto esemplari.

    Tra le novità esposte brilla, è il caso di dirlo, la collezione Stelle Filanti di Atelier Oï creata per Venini Artlight: la linea nasce dall’incontro tra due materiali nobili dell’artigianato di origine veneziana, il vetro soffiato a mano e il cuoio. Le lampade in vetro soffiato vengono così sorrette da una rete di intrecci di cuoio creata da un sistema di aghi che allarga e distende le maglie, dando vita a forme geometriche e scultoree che sorreggono la lampada.

    L’opera di Alessandro Mendini, la lampada Ginevra si presenta come un totem di metallo e vetro soffiato lavorato a mano con sorgente luminosa a LED, realizzato in edizione limitata a otto pezzi.

    L’esponente al Fuorisalone permette di ammirare le opere realizzati da grandi artisti per Venini: è il caso di Tadao Ando, dal Giappone, fortemente ispirato al Movimento moderno e da Le Corbusier ma legato alla tradizione del suo paese d’origine, che tende a dare alle sue opere un carattere quasi “artigianale”, grazie a uno stile che esalta la materialità.

    Alberto Biagetti, altro designer che collabora con Venini, vanta un nutrito curriculum e le sue opere nascono dall’unione di varie invenzioni linguistiche, mentre la lunga storia personale tra disegni e illustrazione rendono le opere di Fulvio Bianconi una vera esplosione di fantasia, tra recupero e rielaborazione dell’antica arte vetraria.

    Nell’esposizione è possibile ammirare anche le creazioni di Diego Chilò, i cui lavori hanno già trovato nomine e segnalazioni nel corso di premi internazionali di design, come quelli di Fabio Rotella, eclettico architetto legato alle arti applicate come fonte di ispirazione per le sue creazion. Di grande impatto le creazioni di Ettore Sottsass, design di lunga data, a cui l’Internationale Design Zentrum di Berlino dedicò una retrospettiva poi esposta alla Biennale di Venezia.

    Non si possono poi dimenticare i lavori di Fabio Novembre, designe noto a livello internazionale che vanta collaborazioni con grandi marchi del mondo del design e a cui il Comune di Milano assegnò l’allestimento del proprio spazio espositivo all’Expo di Shangai nel 2010. Dulcis in fundo, Paolo Venini, fondatore della maison, che da brillante avvocato milanese seppe diventare un punto di riferimento con l’arte del vetro soffiato, portandola a livelli d’eccellenza.

    Più letti